Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.320.471
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 02 luglio 2019 alle 14:26

Ozono: a Missaglia un superamento della “soglia di allarme”,
oltre i 180 mµ/mc. solo  negli ultimi giorni del mese di giugno

Se le polveri sottili, come sempre d’estate, non fanno più paura, è l’Ozono ora a preoccupare. Va subito detto che nonostante le giornate torride un solo comune, Missaglia, per un solo giorno, il 26, ha fatto registrare come punta massima giornaliera un valore (244) superiore alla soglia di allarme, posta a 240 microgrammi di Ozono per metro cubo d’aria. Il tutto il resto del mese di giugno 2019 e per tutte le centraline e i rilevamenti con modelli, tale soglia non è mai stata superata. Ma vediamo per inquinante e per fascia territoriale i dati principali rilevati in questo primo mese d’estate.

LA SITUAZIONE DEL PM10
Clicca sulla tabella per ingrandirla


LECCHESE: le polveri sottili sono rimaste largamente al di sotto della soglia  attenzione indicata dalla legge a 50 microgrammi per metro cubo. Al contrario di quanto accade in autunno, inverno e primavera, è Moggio, in Valsassina, il paese con le polveri sottili più elevate: 26,5 la media mensile contro 18,9 di Valmadrera, 16,9 di Calolziocorte, 24,1 di Lecco via Amendola e 19,2 di Lecco via Sora. Naturalmente non si è verificato alcun superamento, al più le centraline hanno fatto segnare 40-41 microgrammi per metro cubo. Ben diversa la situazione per quanto riguarda l’Ozono. Detto che la centralina di Lecco via Amendola non rileva questo inquinante abbiamo in via Sora una media di 162 con ben 8 superamenti della soglia di informazione posta a 180 microgrammi per metro cubo. Il 28 giugno è stata la giornata peggiore con 245. A Valmadrera il quadro è mediamente migliore: 149,9 mµ/mc però con 11 superamenti (il giorno 28 la punta massima giornaliera è stata di 250). Situazione simile a Calolziocorte con una media di 157 e 6 superamenti, il più elevato sempre il giorno 28 con 204. Ma, come dicevamo, la situazione più critica si è verificata a Moggio con una media di 171,1 mµ/mc e nove superamenti (232 il giorno 28).

LA SITUAZIONE DELL'OZONO
Clicca sulla tabella per ingrandirla

CASATESE/OGGIONESE: anche qui le polveri sottili non destano timori con medie inferiori alla metà del valore limite. Casatenovo ha evidenziato una media mensile di 17,9; Barzanò di 17,6; Oggiono di 18,3; Missaglia di 17,5. Assai più delicata la situazione dell’inquinamento da Ozono. Le medie, trattandosi di modelli statistici, si avvicinano e stanno attorno a 155. Con rilevamenti che però differiscono da una cittadina all’altra. Casatenovo ha evidenziato una media di 154,8 con 6 superamenti tutti dopo il giorno 24. Il 28 è stato il giorno nero in tutta la provincia. Nel comune capofila del casatese la punta massima giornaliera è stata di 222. A Barzanò la media rilevata è di 155,3 con 8 superamenti. A Oggiono di 159,4 con 8 superamenti della soglia di informazione (180). Idem a Missaglia dove la media è stata di 152,7 con 6 superamenti.

MERATESE: l’area statisticamente più inquinata in tutte le stagioni migliora nettamente la posizione in estate. Almeno in questo primo mese del calendario meteorologico. La media delle PM 10 è di 26,1 con la punta massima (come media nelle 24 ore) di 43 mµ/mc. Quanto all’Ozono la media mensile è di 152,4, leggermente inferiore a quella rilevata nel casatese, a Lecco, Calolzio  e Moggio. I superamenti sono stati 6, anche qui dal 24 in avanti con la punta massima il giorno 26 di 146 mµ/mc. In nessun caso la punta giornaliera (un’ora) ha mai raggiunto la soglia di allarme di 240 mµ/mc.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco