Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.002.336
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Sabato 06 luglio 2019 alle 07:59

Oggiono: la Lega critica sugli indirizzi della maggioranza. Si astengono Lietti e Acerbi

Particolarmente accesa la parte finale del consiglio comunale di Oggiono, che ha illustrato gli indirizzi generali di governo della nuova amministrazione, già presentati in fase di programma elettorale. "Questi indirizzi programmatici confluiranno nel DUP, che verrà approvato entro fine mese. Le linee di mandato sono state inviate a tutti i consiglieri comunali e si articolano in vari settori: famiglia, patrimonio, strutture sportive, servizi alla persona, il parco di Villa Sironi, la nuova caserma, la viabilità, con interventi sui parcheggi e sulla riduzione della velocità. Abbiamo poi una parte dedicata al turismo, al lago, all'ambiente, alla pianificazione territoriale e urbanistica, alle politiche giovanili e a molti altri aspetti" ha detto il sindaco Chiara Narciso.

In primo piano a sinistra il consigliere ed ex sindaco Roberto Ferrari (Lega)

Molto critico l'intervento del consigliere Ferrari, che ha ritenuto alcuni punti del programma troppo generici e approssimativi. "Ad esempio, in merito ai servizi della persona disabile, sono state messe in evidenza situazioni quasi scontate. Inoltre, il sostegno alla cooperativa Il grappolo non è mai mancato, anzi, la precedente amministrazione ha contribuito alla sua stabilizzazione. Sulla mensa scolastica ci siamo sempre prodigati anche noi, contenendone i costi pur garantendone la qualità. Passando al patrimonio e alle opere pubbliche, sono rimasto perplesso sui concetti di riqualificazione energetica, perché quando la mia amministrazione promosse l'installazione di pannelli solari alle scuole medie, il gruppo Insieme per Oggiono era contrario. Allo stesso modo si oppose alla recinzione del parco del Peslago, che invece lo ha reso realmente fruibile alle famiglie. Spiace inoltre leggere che Villa Sironi tornerà dei cittadini, dato che abbiamo concluso un restauro molto complesso e l'abbiamo resa un centro di cultura. Sottolineo poi che la caserma non è un'opera pubblica comunale ma un'infrastruttura statale. Sul recupero dell'ospedale Locatelli, siamo d'accordo perché era già nei nostri programmi. In generale, comunque, mi sembra che stiamo sognando a occhi aperti: serviranno molte risorse esterne per realizzare questo programma, che mi sento di definire utopico. Servirebbero tre o quattro mandati per metterlo in pratica! Sicuramente non vivrete lo stesso periodo di tagli e ristrettezze appena trascorso, ma non sarà semplice per voi mantenere la parola data".
Il consigliere Lamberto Lietti è intervenuto a nome del suo gruppo, auspicando una collaborazione con la maggioranza per portare a termine il programma proposto, che richiama i precedenti: "nonostante le risorse economiche abbastanza scarse, in 10 anni come assessore al bilancio ho avuto modo di partecipare attivamente alla soluzione dei problemi che si erano presentati. Comunque l'amministrazione Ferrari ha fatto il possibile con le scuole infanzia, gli impianti sportivi comunali o altri interventi. Oggi riceveremo meno risorse ancora per questi ambiti, ma il nostro gruppo sosterrà ciò che riterrà condivisibile".
La sindaca ha sottolineato che la sua amministrazione porterà avanti alcuni progetti precedenti senza alcuna preclusione verso la minoranza e in merito alla caserma, anche se non è un'opera comunale, ha risposto che secondo lei coinvolge molto il comune, che farà da mediatore per aiutare a completare i lavori che allo stato attuale risultano fermi per la necessità di una perizia di variante richiesta dall'Arma, come ha appreso la stessa Narciso in un incontro svoltosi al Provveditorato nei giorni scorsi.

Anche il consigliere Ferdinando Ceresa ha espresso molte perplessità su certi punti del programma, come quello del recupero dell'ex ospedale. "Il tempo sarà il miglior giudice di queste linee d'indirizzo, che in alcuni casi sono state indicate in maniera estremamente sintetica, mentre in altri dimostrano ingenuità e inconsapevolezza delle difficoltà che comporteranno".
Al momento del voto, quindi, due sono stati i contrari e due gli astenuti, ovvero, rispettivamente, Ceresa e Ferrari, Lietti e Acerbi. Infine sono stati definiti gli indirizzi per la nomina e la designanzione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende e Istituzioni. "I criteri sono gli stessi che erano già in vigore. Entro 45 giorni verranno eletti i rappresentanti, dopo aver chiesto i nominativi a maggioranza e minoranza" ha concluso il sindaco.
R.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco