Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.778.979
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Venerdì 12 luglio 2019 alle 18:21

Oggiono: i Lions ricordano i 50 anni dallo sbarco sulla Luna per finanziare il restauro di ''S.Agata''

Un vero e proprio allunaggio letterario e musicale con uno scenario suggestivo quello in scena giovedì 11 luglio presso Piazza Alta ad Oggiono in occasione del cinquantesimo anniversario della conquista della Luna.
L'associazione Lions club Castello Brianza laghi, in collaborazione con la comunità pastorale S.Giovanni Battista ed il patrocinio dell'amministrazione comunale, ha organizzato un concerto benefico volto a raccogliere fondi per il restauro della Chiesa di Sant'Agata.

A destra don Maurizio Mottadelli e accanto Lamberto Lietti del Lions club

Lions Clubs International è l'organizzazione di club di assistenza più grande al mondo che conta ben 1,36 milioni di soci dislocati in 46.000 club in tutto il mondo. Fondata nel 1917, è conosciuta principalmente per la lotta alla cecità ma si dedica a diversi progetti comunitari, tra cui protezione dell'ambiente, lotta alla fame e assistenza di anziani e ai disabili, sia a livello internazionale che locale.

"Abbiamo dato il via a questa serata insieme con il countdown della missione spaziale Apollo 11 che portò i primi uomini sulla Luna. Siamo ormai giunti al quarto evento organizzato per la raccolta fondi che saranno poi devoluti alla comunità parrocchiale per la Chiesa di Sant'Agata. Penso e spero che, grazie a questa serata, riusciremo a raggiungere l'importo che ci eravamo prefissati. Come potete voi stessi osservare la location è magnifica: oltre a ciò che potrebbe significare questa serata in termini di raccolta fondi è anche una modalità per mettere in luce ciò che questa città offre di paesaggistico e architettonico. Abbiamo deciso di dedicare questa serata ad un tema che ci sembrava abbastanza particolare da ricordare: il cinquantesimo anniversario dello sbarco dell'uomo sulla Luna. Ringrazio tutti i volontari che hanno collaborato per la realizzazione di questa serata e Don Maurizio che ci ospita ancora una volta in questo magnifico luogo'' ha spiegato il dottor Lamberto Lietti, presidente dell'associazione Lions Club Castello Brianza Laghi per l'anno 2019-2020.

"Dò a tutti il benvenuto in questo luogo che ci offre uno scenario naturale incantevole. In un'atmosfera particolare come questa possiamo fermarci a riflettere su come le cose belle che il Signore ci ha donato spesso, nonostante siano proprio sotto i nostri occhi tutti i giorni, cadano in secondo piano. Il messaggio di questa sera è dunque questo: vedere oltre l'apparenza quotidiana. Sicuramente lo sbarco dell'uomo sulla Luna è uno dei più grandi avvenimenti della storia e ricordarlo significa al tempo stesso ricordare a noi stessi che l'uomo ha la possibilità di spingersi oltre l'immaginabile. Sarebbe bello questa sera, ricordando lo sbarco sulla Luna, sognare pensando a cosa l'umanità sarebbe in grado di fare se si tenesse per mano non facendosi la guerra'' le parole di don Maurizio Mottadelli, parroco oggionese, salutando gli ospiti.

Durante la serata sono state recitate diverse letture di autori famosi tra cui Dante, Leopardi e Jules Verne, intrecciate a canzoni e musiche jazz sempre con tematica lunare. I protagonisti dello spettacolo hanno richiamato i personaggi del celebre 21 luglio del 1969. Il trio jazz, formato da Bruno Lavizzari al piano nelle vesti di Neil Armstrong, al saxofono Roberto Quadroni come Buzz Aldrin e al sound, in regia come lo era Micheal Collins nel modulo lunare, Mario Bargna.

Le voci narranti della serata, Nicola Bizzarri e Carlo Decio, hanno trasportato i presenti a quel magico avvenimento interpretando Tito Stagno e Ruggero Orlando, celebri cronisti della leggendaria telecronaca di quella notte. Un tributo particolare è stato rivolto anche a Leonardo da Vinci, di cui quest'anno si celebra il 500esimo anniversario di morte, primo artista che disegnò la Luna.
Sara Ardagna
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco