Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.272.862
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 27 luglio 2019 alle 12:14

Dolzago: in consiglio l'assestamento di bilancio e un odg sul futuro delle Province

«Non ci sono debiti fuori bilancio, non c'è necessità di generare disavanzo e non risultano squilibri tali da giustificare adozione provvedimenti particolari».
L'assestamento generale di bilancio 2019 - principale punto all'ordine del giorno della seduta consiliare di venerdì 26 luglio - ha visto il sindaco Paolo Lanfranchi fare il punto della situazione economica del comune.

Il sindaco Paolo Lanfranchi

Si tratta di un passaggio imposto per legge, a tutte le amministrazioni comunali, da portare a termine entro ogni anno entro la fine del mese di luglio. Nel sottolineare il buono stato dei conti comunali, il sindaco ha ricordato come anche dalle società partecipate non siano giunte segnalazioni di situazioni che possano compromettere gli equilibri di bilancio.
Assieme all'assestamento di bilancio, ai consiglieri comunali sono state sottoposte delle variazioni economiche che prevendo nuovi investimenti. Verrà realizzato un impianto fotovoltaico, dal costo complessivo di 44mila euro, che sarà installato al di sopra del tetto del municipio. Altri 6mila euro saranno investiti per sostituire la caldaia del centro sportivo che sarà abbinata a dei pannelli solari. Si tratta di un pacchetto di opere di efficientamento energetico del valore complessivo di circa 50mila euro. Risorse giunte da trasferimenti finanziari predisposti dal Governo proprio per realizzare opere volte a migliorare l'impatto energetico degli edifici pubblici. I lavori, in base a quanto prevede la normativa nazionale, dovranno essere realizzati entro il mese di ottobre. Proprio le strette tempistiche hanno - come ha avuto modo di spiegare lo stesso Lanfranchi -obbligato l'Amministrazione ad escludere altre tipologie di lavori, come la sostituzione dei serramenti della palestra non realizzabile entro ottobre.

La maggioranza

Opere minori saranno predisposte anche per la sede della protezione civile, dove verrà sostituito l'impianto di allarme ormai datato, e presso lo stesso municipio con l'acquisto di nuovi mobili per la sistemazione dell'archivio comunale.
Complessivamente il bilancio del comune di Dolzago registra entrate per poco più di 2milioni di euro. L'avanzo di bilancio si attesta a 852mila euro, dei quali circa 434mila non vincolati.
Le variazioni di bilancio, derivanti dall'avvio dei nuovi investimenti, sono state poste in votazione e approvate con il parere favorevole della maggioranza e di Luigi Aglioni consigliere della minoranza «Uniti per il cambiamento». Adelio Isella - esponente della minoranza «Alleanza Civica» - ha espresso voto contrario.
Durante la seduta consiliare è stata anche data comunicazione dei nuovi membri che - in rappresentanza dell'Amministrazione comunale - siederanno nel consiglio di amministrazione della scuola dell'infanzia Vincenzo Bonacina. Si tratta di Paolo Frigerio - già membro dello stesso cda in passato - e Debora dell'Oro.

Lanfranchi tra la segretaria dr.ssa Volpez e l'assessore Corti

Posto in votazione, in chiusura del consiglio, anche un ordine del giorno sul futuro delle province. È stato lo stesso sindaco Paolo Lanfranchi - che lo ricordiamo è anche consigliere provinciale - a presentare la proposta. L'obbiettivo che il documento si pone è il ripristino del ruolo e delle competenze delle province sulla base del modello in vigore prima della riforma Delrio. Si tratta di un ordine del giorno già approvato dalla stessa provincia e anche da altri comuni del territorio. «Questo documento - ha spiegato Lanfranchi - verrà approvato dai comuni interessati, poi passerà all'Unione delle Province Lombarde e successivamente a all'Unione delle Province Italiane. Per finire andrà in Parlamento. Personalmente ho richiesto che fosse integrato con un emendamento che chiede il ritorno all'elezione diretta dei consiglieri provinciali da parte dei cittadini».

I consiglieri Isella e Aglioni (minoranza)

L'atto che propone il ripristino dei compiti delle province con le relative capacità economiche e finanziarie è stato approvato con i voti favorevoli della maggioranza e del consigliere di minoranza Aglioni. Adelio Isella ha invece espresso perplessità legate alle carenze di personale delle Province e sulla conseguenti difficoltà che le stesse avrebbero nel riprendere a svolgere le loro vecchie funzioni, astenendosi quindi in fase di votazione.
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco