Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.143.097
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 24 settembre 2019 alle 18:39

Nato ''in volo'', l'amore tra Gabriele e Aspa ha unito in una cerimonia Grecia e Brianza

Quasi come in una favola, ma più reale che mai, è stato l'incontro tra Gabriele e Aspasia, 27 e 23 anni, lui pilota della compagnia di bandiera del Qatar e originario di Cibrone di Nibionno, mentre lei - greca - giovanissima hostess per una compagnia inglese.

Aspasia e Gabriele Pirola al taglio della torta nuziale

La storia che lega i due è nata proprio sul lavoro e dopo anni di relazione tra una base aerea e l'altra è arrivata la grande proposta per ufficializzare la loro unione a tutti gli effetti. Si è svolto infatti a inizio mese nella località di Vouliagmeni ad Atene la cerimonia di matrimonio in rito ortodosso che ha legato "Gabri" e "Aspa" all'infinito, nell'eternità e oltre la morte, che non potrà quindi dividerli a differenza della formula recitata nel rito cattolico.
I due si sono conosciuti a Palermo quando entrambi lavoravano per la stessa compagnia aerea irlandese, ma l'interesse reciproco è nato solo in seguito, quando nel luglio del 2016 si sono ritrovati al matrimonio di alcuni amici sempre nel capoluogo siciliano.

Gabriele è rimasto in Sicilia mentre Aspasia è stata assunta da un'altra compagnia a Londra, dove si è quindi trasferita. I sentimenti sono cresciuti negli anni, nonostante il tempo per vedersi non sia mai stato molto, come loro stessi ci hanno raccontato, a causa di diversi orari di lavoro e di una settimana di impegni non sempre programmabile come lo è per la maggior parte delle altre professioni. La distanza, il tempo e la lingua e la cultura diversa non sono comunque stati un ostacolo sufficiente per impedire ai due giovani di innamorarsi e portare avanti questa relazione con continuità e costanza fino ad arrivare alla decisione di sposarsi civilmente lo scorso anno il 31 agosto.

Gabriele si è poi trasferito in Qatar dopo aver cambiato compagnia aerea mentre la futura sposta a Cibrone, nella casa dove è nato e cresciuto il marito in compagnia dei suoceri che l'hanno accolta calorosamente come una figlia. La voglia di condividere la loro unione con amici e parenti ha però superato qualsiasi problema di lontananza perché i due hanno infatti deciso di sposarsi anche con una cerimonia tradizionale greca ad Atene. Secondo il costume locale infatti, il rito deve celebrarsi nel paese natale della sposa.

Nella città capitale della Grecia, con quasi 200 invitati - provenienti praticamente per la metà dai paesini della Brianza che hanno fatto da cornice all'infanzia di Gabriele - si è svolto il matrimonio "ad alta quota" dei due giovani, uniti dalla passione per il volo e ora in volo per la propria vita insieme.

"Ovviamente non è stato facile organizzare il matrimonio. Essendo spesso lontani non è sempre stato semplice accordarci e in più trasferire tutti quanti i miei amici e i miei parenti dall'Italia è stato un altro punto fatidico da gestire" ci ha raccontato Gabriele al rientro da Atene con la fede al dito. "Poi tenevamo particolarmente alla presenza delle nostre nonne e siccome quelle di Aspa non riescono a viaggiare mentre la mia non ha problemi, abbiamo trovato in Atene un giusto compromesso. Io e Aspa siamo sempre stati abituati a viaggiare a destra e a sinistra per poterci vedere e la soluzione individuata col tempo è quella di fare un po' a testa in base ai nostri giorni liberi. Ora che lei è lavora a Malpensa quando ha tanti giorni di ferie riesce a venire da me a Doha, dove ho la base, oppure almeno 2 volte al mese per 5 o 6 giorni io riesco a tornare a Cibrone per stare con tutta la mia famiglia".

Il matrimonio è durato tre giorni consecutivi ed è stato un incontro tra due tradizioni e due culture che pur essendo simili hanno comunque sempre qualcosa da poter imparare l'una dall'altra. Alla cerimonia, oltre ovviamente alle colleghe hostess e ai colleghi piloti di entrambi, ci sono stati gli amici più cari e i parenti dei due giovani che per partecipare al loro tanto atteso matrimonio non hanno esitato a prendere proprio l'aereo, il mezzo che ha permesso l'incontro dei due e sancito ormai da tempo il loro amore.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco