Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.761.651
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Giovedì 10 ottobre 2019 alle 09:05

Oggiono: Erminio Bonanomi inaugura gli incontri ''a km 0'' in biblioteca

Anche quest'anno la biblioteca civica "Franco Pirola" di Oggiono, con il patrocinio dell'amministrazione comunale, ha rinnovato la serie di appuntamenti letterari previsti per il mese di ottobre all'interno del progetto "incontri a km 0". Ogni martedì sera, alle ore 21.00, sarà possibile prendere parte, presso la biblioteca, alla presentazione di libri pubblicati recentemente da autori del territorio oggionese e limitrofo.

Da sinistra l'ospite Erminio Bonanomi e l'assessore alla cultura Giovanni Corti

Martedì 8 ottobre si è svolta la presentazione del libro "Il manoscritto del tempo", ultimo romanzo dell'autore meratese Erminio Bonanomi, pubblicato da Bellavite nel 2019.
"Benvenuti al primo appuntamento del progetto "incontri a km 0". Questa sera ci addentreremo insieme alla scoperta di questo romanzo che fonde elementi di fantasia e riferimenti storici, aspetto che lo rende adatto per un pubblico adulto ma anche giovane. Personalmente ritengo che Erminio Bonanomi sia un autore interessante per le molteplici passioni che lo animano. Non solo scrittore di gialli, romanzi d'avventura e saggi, crea anche giochi societari per bambini ed incontri nelle scuole" ha introdotto l'assessore alla cultura Giovanni Corti ringraziando i presenti e dando il benvenuto all'autore.

"Il mio nuovo romanzo è ambientato ad Imbersago nell'epoca attuale. I personaggi, il dottor Diego Ventura ed il nipote, scoprono casualmente una cassetta contenente le coordinate per la scoperta della "dimora del tempo". Dopo lunghe ricerche ritrovano dei manoscritti, che si scoprirà successivamente essere di Leonardo da Vinci, con le istruzioni per la costruzione di una macchina del tempo. Per comprenderne il funzionamento ed i meccanismi è necessario che tornino indietro nel tempo fino al 1500, epoca in cui è vissuto colui che l'ha ideata per la prima volta, Leonardo da Vinci. Da quel momento in poi per loro inizia una straordinaria avventura che li vedrà costretti ad affrontare ambigui personaggi e cavalieri sanguinari per riuscire finalmente a ritornare alla loro epoca. Ho impiegato molto tempo a scrivere questo romanzo perché ha richiesto un'approfondita conoscenza del periodo storico trattato, ricco di particolari tradizioni e usanze" ha spiegato l'autore.

Durante la presentazione lo scrittore ha mostrato ai presenti un modellino, realizzato in legno interamente a mano, della macchina del tempo descritta all'interno del romanzo, la quale riprende, nella composizione delle parti, i numerosi progetti realizzati dal genio riguardanti le più svariate tematiche. Il basamento, struttura della macchina del tempo, è stato tratto dal progetto di una macchina per il drenaggio dei canali, la calotta antigravitazionale riprende la struttura a testuggine di un carro armato, il pannello numerico di datazione si ispira ad uno studio condotto dal maestro riguardante il contatore idraulico.
Per scoprire i numerosi altri dettagli ed il finale della vicenda non resta che abbandonarsi alla piacevole lettura.
Sa.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco