Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.115.931
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 05 novembre 2019 alle 18:20

Casatenovo: cordata costituita da imprese e da Intesa per ''salvare'' Ferrarini e Vismara

Il salumificio Vismara di Casatenovo
Non tutto è perduto per la Vismara di Casatenovo. Se l'interessamento manifestato da Amadori è saltato all'improvviso, sul tavolo ci sarebbe una nuova proposta da parte di una cordata di imprese e banche, formate nello specifico dal Gruppo Bonterre -Grandi Salumifici Italiani (uno dei soggetti di riferimento del mercato italiano di salumi di qualità, formaggio Parmigiano-Reggiano, snack e di piatti pronti), O.P.A.S. (la più grande organizzazione di prodotto tra allevatori di suini in Italia), Casillo Partecipazioni (società a capo di un gruppo attivo nella produzione, trasformazione, commercializzazione e trading di commodities agricole e prodotti derivati) e da Intesa Sanpaolo.
Un cartello di imprese che avrebbero manifestato a Ferrarini e Vismara il loro interesse nel tentativo di dare un futuro ad entrambe le società; futuro che sembrava tutt'altro che roseo per il salumificio casatese, dopo che il commissario dr.Franco Cadoppi aveva depositato un'istanza di revoca del concordato preventivo, essendo appunto venuto a mancare nel frattempo, l'interesse del Gruppo Amadori. Quest'ultimo - con una lettera inviata nelle scorse settimane al tribunale di Reggio Emilia - aveva dichiarato l'indisponibilità a proseguire la trattativa per acquistare l'azienda con sede a Cascina Sant'Anna. Una condizione che ha fatto venire meno le basi per il concordato preventivo al quale il giudice delegato Niccolò Stanziani Maserati aveva ammesso nel mese di aprile la società casatese, tanto che il commissario ha presentato richiesta di revoca della procedura al tribunale.
Ora però, sul piatto c'è la proposta avanzata da questa cordata che avrebbe annunciato un piano che passa dall'affitto-ponte dei rispettivi rami d'azienda messi in capo a società costituite appositamente per l'operazione.
A questo proposito, nella giornata di oggi, martedì 5 novembre i rappresentanti della cordata hanno inviato una lettera agli organi societari di Ferrarini e Vismara (e per conoscenza ai commissari giudiziali di entrambe le società), sottolineando come da tempo e più volte sia stato manifestato l'interesse di realizzare un'operazione industriale unitaria finalizzata a preservare le relative aziende e a tutela dei creditori sociali, degli altri stakeholders - in primis, dipendenti, fornitori ed altri soggetti del territorio - e del sistema economico del nostro Paese.
La cordata attende una risposta positiva da parte di Ferrarini e Vismara che consentirebbe di realizzare un piano industriale di continuità unitario volto appunto a risanare le due aziende nelle more delle procedure concordatarie. L'obiettivo dell'iniziativa è infatti quello di preservare le due società, assicurarne la continuità aziendale e il rilancio.
Non resta quindi che attendere l'udienza fissata per domani in tribunale a Reggio Emilia.
Articoli correlati:
11.10.2019 - L'on.Fragomeli presenta un'interrogazione sulla crisi Vismara-Ferrarini
01.10.2019 - Casatenovo: Amadori fa marcia indietro, a rischio il concordato preventivo di Vismara
17.07.2019 - Casatenovo, Vismara: sindacati al lavoro per la proroga della ''cassa'' per altri 6 mesi
24.06.2019 - Casatenovo, Vismara: il Comune si insinua nel concordato e chiede un fondo rischi
23.04.2019 - Casatenovo, Vismara: il tribunale decreta l'ammissione al concordato preventivo
15.04.2019 - Casatenovo, Vismara: attesa la pronuncia del tribunale sulla richiesta di concordato
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco