Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 215.371.652
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Domenica 17 novembre 2019 alle 17:28

Viganò: incontri per avvicinare i cittadini alla filosofia. Tra i relatori l'assessore Cazzaniga

''Frammenti di Filosofia'' è il ciclo di incontri promossi dal Gruppo Cultura e dall'amministrazione comunale di Viganò. A questo proposito nel pomeriggio di sabato 16 novembre si è svolto il secondo appuntamento della rassegna, dedicato alla figura di Platone, nonché alla filosofia antica.

Stefano Cazzaniga e Katia Bezze

Nelle parole di uno dei due relatori, la professoressa Katia Bezze, questa serie di conferenze - di cui la prima si era svolta la scorsa primavera, con tema le origini della filosofia e la figura di Socrate, maestro, appunto, di Platone - sono finalizzati, con taglio divulgativo, ad avvicinare le persone, in maniera semplice e diretta, con una vera e propria lezione/chiacchierata con il pubblico presente, a tale disciplina.

In particolare la professoressa Bezze e il professor Stefano Cazzaniga - assessore e vicesindaco peraltro del Comune di Viganò - entrambi laureatisi presso l'Universitá Statale di Milano, hanno intrattenuto il pubblico presente sulla fondamentale importanza del vissuto, del pensiero e delle opere del filosofo ateniese.
Dal celeberrimo mito della caverna ai dialoghi con protagonista il suo antico mentore (suicidatosi con la cicuta per ordine della sua stessa cittá, motivo per il quale la sua riflessione in ambito di filosofia politica é sempre imperniata sulla fondamentale importanza della vera democrazia e del pensiero pluralista), la tesi del filosofo ateniese é stata, in maniera semplice ed esaustiva, portata a conoscenza dei presenti affinchè - con vero e proprio utilizzo della maieutica, tanto cara sia a Socrate sia appunto a Platone - anche oggi ci si continui ad interrogare sul perché delle cose e della realtá che ci circonda, stimolando il pensiero del pubblico.

E, segnatamente, la vita di Platone - ''dalle spalle ampie", come soprannominato dal suo discepolo Aristotele, che ebbe poi singolarmente a dire del suo antico maestro "rispetto Platone, ma amo la veritá" - nonchè il suo pensiero sulla virtù della sapienza, che va perennemente ricercata in ogni cosa (e non solo dai filosofi, cui il maestro ateniese assegnava il ruolo di rieducare e guidare i cittadini) é stato sicuro stimolo e spunto riflessivo per tutte le persone che hanno partecipato alla lezione tenuta dai due relatori.

Presenti alla conferenza anche il sindaco Fabio Bertarini e l'assessore alla cultura Renato Ghezzi che - come il resto del pubblico intervenuto - hanno ascoltato attentamente la lezione filosofica del collega di giunta e della professoressa Bezze, introdotti dalle parole di Corrado Pennati del Gruppo Cultura. Appuntamento quindi al prossimo stimolante incontro.
Mari.T.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco