Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.199.405
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 21 novembre 2019 alle 08:32

Viganò: violenza e musica slava i temi dei prossimi eventi culturali

Due nuovi appuntamenti sono stati promossi dall'amministrazione comunale di Viganò per le prossime settimane che saranno incentrati sull'incontro con due culture diverse, poco conosciute e più silenziose rispetto ad altre ma che si trovano proprio fuori dai confini di casa nostra: il mondo slavo e la letteratura russa. In occasione della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne sarà portato in scena sabato 30 novembre alle ore 17.00 uno spettacolo della Compagnia dei Gelsi che farà riflettere proprio su questa tematica partendo dal presupposto che non sempre la violenza è visibile ma ciò non significa che non faccia comunque male. Nella sala consiliare del comune infatti, l'assessorato alla cultura di Viganò, la Biblioteca comunale Don Guglielmo Rigamonti e il Gruppo Cultura presenteranno "Krotkaja la Mite", una rappresentazione teatrale tratta da un racconto dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij con il testo di Alessandra Ferrè e la regia di Monia Marchiori. Per la settimana successiva, invece, nella serata di domenica 8 dicembre sarà invece proposto tutt'altro tipo di spettacolo all'insegna della musica e degli strumenti musicali grazie al supporto di Brianza Classica. Alle ore 20.30 presso la chiesa parrocchiale San Vincenzo di Viganò si esibirà il Duo Zupan-Popovic formato da Marko Zupan, sloveno, al flauto traverso e Minka Popovic, serba, al pianoforte nel loro spettacolo "Anima Slava". I due musicisti presenteranno l'anima più autentica del mondo slavo attraverso i brani più celebri di questa cultura, composti dai più noti compositori cechi, boemi e ungheresi. L'ingresso per entrambi gli appuntamenti sarà libero ma occorrerà iscriversi obbligatoriamente per l'evento dell'8 dicembre.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco