• Sei il visitatore n° 332.631.377
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 29 novembre 2019 alle 08:30

Garbagnate: bagni autopulenti al parco degli aceri. Stanziati a bilancio 50mila €

Bagni pubblici al parco degli aceri a Garbagnate Monastero. L'amministrazione comunale, con il consiglio comunale di martedì 26 novembre, ha messo a bilancio 50.000 euro tra le spese in conto capitale per realizzare nel parco pubblico più grande del comune, frequentato anche da cittadini dei comuni limitrofi.

"È un'opera che avevamo già proposto in campagna elettorale. Diversi cittadini ci avevano infatti segnalato che i bambini spesso non fanno in tempo a raggiungere il bagno posto sull'altro lato della strada e si servono delle piante per urinare" ha spiegato il vicesindaco Ilaria Villa. L'idea è quella di installare un modulo autopulente gestito tramite carta regionale dei servizi, a cui va aggiunto un contributo economico da parte dell'utente.

"La prima posizione individuata, seppur non ancora definitiva, è situata vicino al parcheggio di viale Brianza al fine di ridurre al minimo i costi. Abbiamo scelto quest'area perché è la più vicina agli scarichi e alla rete di illuminazione. Pensiamo a una finitura in pietra o corten per un basso impatto ambientale. L'idea è anche quella di realizzare una piattaforma leggermente più grande con allacci prestabiliti per creare, in futuro, un punto di distribuzione al dettaglio per bibite e gelati oppure per posizionare un distributore automatico" ha proseguito Villa. Nel modulo è previsto un bagno, un lavandino e una parte retrostante per la manutenzione. Il servizio è autopulente: ci sono spazzole che permettono la pulizia del pavimento e l'igienizzazione del sanitario. Prodotti simili si trovano sul lungolago di Lecco e a Bosisio Parini. "Pensiamo di aprirlo per otto mesi evitando i mesi più freddi. Questo ci permetterebbe di spendere per la manutenzione circa 3.600 euro per otto mesi. È la prima posizione individuata, ma non è quella definitiva".

Per il consigliere di minoranza Gianpaolo Magli "la posizione non è la migliore, così come l'idea di affiancare un'area per le bevande. Il fatto di portare un bagno al parco è invece buona ma occorre trovare una soluzione che ha costi minori per l'amministrazione". Sulla questione non si è fatta trovare impreparata la vicesindaca: "La posizione, per quanto possa sembrare sfacciata, non è dettata a caso, sia perché questi moduli non hanno la coibentazione sia perché in quel punto è presente una telecamera che potrebbe disincentivare eventuali atti vandalici. I costi non mi sembrano elevati se pensiamo che la precedente amministrazione spendeva per posizionare due bagni chimici per l'estate insieme, mille euro per un mese".
Tra le altre uscite in conto capitale sono stati preventivati 10.000 euro per l'aggiornamento del sistema informatico degli uffici comunali. Quanto alle entrate, le voci maggiori riguardano l'applicazione dell'avanzo per 21.600 euro e le concessioni cimiteriali per 2.300 euro.

Sul capitolo della parte corrente dell'ente, invece, le entrate arrivano a 69.350 euro. La quota principale è la ripartita di Asil per 55.400 euro. Ci sono poi interessi sugli accertamenti tributari per 3.350 euro, rimborso dei servizi svolti dal segretario comunale per 14.900 euro, i rimborsi dei privati per le luminarie natalizie per 1.250 euro e i proventi delle rette del punto giochi che sono in negativo di 2.150 euro.
Il totale delle spese è di 33.250 euro così ripartito. Tra le maggiori spese figurano le utenze varie degli immobili comunali per 5.950 euro, la manutenzione degli immobili comunali per 1.350 euro, gli aggi per le riscossioni per 1.300 euro, la gestione del punto giochi con l'acquisizione di personale in più per 3.700 euro e un contributo aggiuntivo per la campagna Lilt pari a 1.000 euro. Tra le principali minori spese, invece, ci sono le borse di studio e i contributi per il diritto allo studio per 2.850 euro e l'acquisto di servizi per le manifestazioni della biblioteca per 1.700 euro.
La minoranza si è espressa con un voto di astensione. Voto favorevole, invece, per una variazione d'urgenza al bilancio che vede un'applicazione di 10.000 euro di avanzo d'amministrazione che vanno a integrare un contributo a fondo perduto di Regione Lombardia pari a 90.000 euro.


"Ad agosto era uscito un bando sugli interventi di difesa del suolo e regimentazione idraulica. Come noto, abbiamo problemi di allagamento in determinate zone a cui bisognava porre rimedio e per questo abbiamo chiesto in Regione se potevamo presentare la documentazione: abbiamo realizzato un primo studio di fattibilità tecnica ed economica, approvato in giunta" ha spiegato Villa. "Abbiamo iniziato a sperare quando ci hanno di integrare i documenti: abbiamo fornito la georeferenziazione dei punti critici sulla carta tecnica regionale. Non siamo stati inclusi nella prima graduatoria, ma nella seconda uscita il 15 novembre. Il totale dei lavori è di 100.000 euro, finanziati per 90.000 euro dalla Regione. Ci viene chiesto il consuntivo entro giugno: lo mettiamo a bilancio ora in modo che a gennaio saremo in grado di partire con l'affidamento del progetto".
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco