Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 215.173.595
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Venerdì 29 novembre 2019 alle 11:04

Missaglia: Via Merlini resterà totalmente chiusa durante i lavori, realizzati in quattro fasi

Resterà completamente chiusa al transito dei mezzi Via Merlini a Missaglia per consentire l'adeguata esecuzione dei lavori di restyling per il rifacimento del manto stradale. Ad annunciarlo - durante l'assemblea convocata nella serata di martedì - sono stati il sindaco Bruno Crippa e l'assessore ai lavori pubblici Paolo Redaelli che unitamente al progettista ing.Gianluigi Meroni hanno illustrato le caratteristiche che assumerà l'arteria una volta ultimato il cantiere.

L'ing.Gianluigi Meroni, il sindaco Bruno Crippa e l'assessore Paolo Redaelli

''Il progetto esecutivo è stato approvato ad agosto, mentre a fine ottobre la stazione unica appaltante della Provincia di Lecco ha affidato i lavori ad un'impresa con sede a Grandate che ha offerto un ribasso del 24%'' ha detto il sindaco Bruno Crippa ricordando che la spesa totale prevista di 300mila euro sarà finanziata per la quasi totalità tramite mutuo, mentre per 50mila euro dall'avanzo di amministrazione. ''Via Merlini resta la strada più trafficata del paese. Nei mesi scorsi avevamo provveduto insieme a Lario Reti Holding al rifacimento dei sottoservizi. Sono stati lavori invasivi, con scavi per un metro e mezzo, che hanno interessato anche i marciapiedi. In quell'occasione ci avevano consigliato di attendere almeno dieci mesi prima di rifare il manto, perchè il fondo doveva assestarsi ed effettivamente gli avvallamenti formatisi sono evidenti in entrambi i sensi di marcia''.

Per quanto riguarda le nuove opere previste invece, si stima un'esecuzione in centoventi giorni circa, considerando che il cantiere interesserà 320 metri complessivi di strada: dalla rotonda di Casa Massimo sino a Piazzetta Gussoni.
L'assessore Redaelli ha invece ricordato che durante il cantiere sarà necessario spostare le fermate degli autobus di linea, come era avvenuto in passato, facendoli transitare da Via Garibaldi e da Via Papa Giovanni XXIII.

E' toccato all'ingegner Meroni presentare il progetto nelle sue caratteristiche fondamentali. A partire dal manto, che sarà in asfalto e non più in porfido ''per ridurre il rumore e migliorare la percorribilità pedonale''. A questo proposito sarà utilizzato un materiale che, a livello cromatico, simulerà la situazione attuale, mentre saranno mantenuti i dossi (con l'aggiunta di un terzo) e i rosoni che caratterizzano l'arteria, seppur realizzati con materiale differente ''per aumentare la durabilità ed evitare sconnessioni''. La linea di mezzaria invece, sarà un cordolo in granito a delimitare le due corsie di marcia.

Venendo al cantiere, esso si svilupperà in quattro fasi. La prima con inizio fra pochi giorni riguarderà la manutenzione straordinaria dei marciapiedi e si concluderà prima di Natale. A seguire si lavorerà al restyling dell'arteria, chiusa totalmente al transito dei mezzi in tre step. Si partirà dal tratto compreso fra la SP54 e il supermercato Rex; una volta conclusa questa parte si proseguirà sino alla farmacia e infine sino a Piazzetta Gussoni. ''I lavori in questo caso non partiranno subito ma a marzo, perchè le asfaltature non possono avvenire in inverno con queste temperature basse'' ha precisato l'ingegnere, spiegando che la chiusura dell'arteria sarà totale per non compromettere l'esito dei lavori. Chiaramente potranno essere concordati con i residenti e gli esercenti degli orari per consentirne ingresso e uscita dalle rispettive proprietà ma di questo aspetto sarà meglio valutato una volta avviati i lavori.

Rimosso il porfido fino allo strato di calcestruzzo, sarà posato poi l'asfalto binder, infine il cordolo in granito e realizzati i dossi. Lo strato di finitura sarà posato alla fine, prima di passare alla lucidatura per mantenere vivo il colore. Lavori che proseguiranno per circa tre mesi, concludendosi entro l'estate.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco