Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 215.217.813
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Martedì 03 dicembre 2019 alle 08:53

Molteno: contributo di 96mila euro per la sistemazione del Bevera in zona Raviola

Un'immagine del torrente Bevera
Un finanziamento di 96.735 euro per interventi di tutela e rinforzo del bacino idrico. Il comune di Molteno è risultato beneficiario di un contributo a fondo perduto di Regione Lombardia per la messa in sicurezza del reticolo idrico minore e il ripristino di dissesti potenzialmente pericolosi per persone e infrastrutture. Il bando, destinato ai comuni sotto i 15.000 abitanti, è stato vinto da nove comuni della provincia di Lecco: Mandello, Oggiono, Molteno, Monte Marenzo, Carenno, Erve, Valgreghentino, Oliveto Lario e Garbagnate Monastero.
L'amministrazione di Molteno li utilizzerà per i lavori di risistemazione dell'argine del torrente Bevera a Raviola. "L'intervento è tratto da progetto predisposto nel 2017 che prevedeva un programma di lavori per complessivi 700.000 euro che sono suddivisi in diversi lotti, in base alla zona e al livello di pericolosità di esondazione del corso d'acqua. Avevamo già i progetti fatti e così abbiamo partecipato al bando: devo ringraziare l'architetto Monti dell'ufficio tecnico per aver seguito questa procedura" ha spiegato Luca Rossini, assessore alla protezione civile, sicurezza, ambiente e volontariato.
Alcuni interventi, per circa 200.000 euro, sono stati realizzati in passato, come quelli più recenti nella zona industriale in frazione Pascolo messi a punto dall'agenzia interregionale per il fiume Po. "Si procederà con la sistemazione dell'argine che in quel punto ha portato a cedimenti, causando non pochi disagi. In passato il torrente infatti era tracimato e c'erano stati interventi di privati per mettere in sicurezza l'argine. Il corso d'acqua in quel punto erode la riva sinistra mentre sul lato destro non crea problemi". Il progetto che troverà attuazione nei prossimi mesi prevede il rinforzo dell'argine, in modo che possa sostenere la potenza dell'acqua. In alcuni punti è già presente un muro di contenimento vicino alle ditte. "Oggi paghiamo un modo di operare sul fiume che, tra gli anni Settanta e Novanta, non ha dato buoni risultati. Se si ha la possibilità si fa altro e non la canalizzazione del corso d'acqua: in centro paese l'alveo del torrente è stato cementato ma questa soluzione, come vediamo noi stessi, non aiuta il deflusso delle acque in situazioni di piena" ha aggiunto Rossini. "Ora vorremmo migliorare il tratto: i lavori consisteranno nella pulizia dell'alveo del fiume e nel rifacimento degli argini con massi e pietre".

Il costo dell'intervento è di 107.000 euro e quasi tutta l'opera è finanziata tramite contributo. "Non pensavamo di riuscire ad ottenere il finanziamento ma siamo contenti di averlo ricevuto. Abbiamo a cuore i nostri corsi d'acqua e questo progetto rientra nel progetto di tutela del fiume e della cittadinanza. Quando riusciamo facciamo interventi con le nostre forze, come quelli messi in atto ciclicamente dalla protezione civile; quando invece si parla di grossi interventi, si partecipa a tavoli dove è possibile ottenere risultati concreti. Su questa scia, insieme al comune di Sirone, stiamo facendo un piano di analisi e interventi. Ci teniamo, lo abbiamo dimostrato e giochiamo la partita dove è possibile" ha concluso l'assessore.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco