Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 223.724.821
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/03/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 65 µg/mc
Valmadrera: 68 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Giovedì 12 dicembre 2019 alle 16:07

"Caro Babbo Natale... vogliamo treni all'altezza!"

Una letterina a Babbo Natale per chiedere treni all’altezza. Il PD della Provincia di Lecco tornerà nelle stazioni della provincia con un volantinaggio nel corso della prossima settimana, per dire basta a Trenord e ai continui ritardi e disagi che ogni giorno subiscono i pendolari lecchesi.

“Basti pensare alla situazione deprecabile della linea S8 – spiega Antonio Gilardi, responsabile Infrastrutture e Trasporti dei dem lecchesi – che si è rivelata la peggiore di tutta la Lombardia in termini di puntualità e di soppressioni di treni negli ultimi mesi. Davanti a tutto ciò, il continuo scaricabarile dell’Assessore Claudia Terzi è incommentabile. La situazione attuale è figlia del disinteresse di Regione Lombardia verso il trasporto ferroviario. Le soppressioni e i ritardi che ogni giorni assillano i pendolari – prosegue Gilardi – sono infatti dovuti nella stragrande maggioranza dei casi a rotture e alla cattiva manutenzione del materiale rotabile”.

“Con il simpatico espediente della lettera a Babbo Natale, avanziamo delle richieste semplici: basta ritardi, basta soppressioni, treni nuovi anche sulla linea S8, mantenere l’abbonamento ‘solo treno’, maggiore sicurezza a bordo e maggiore manutenzione. Non chiediamo tanto – aggiunge Gilardi –, chiediamo semplicemente un trasporto ferroviario all’altezza delle aspettative dei lombardi. Per questo diciamo basta a Trenord: serve una gara europea in grado di garantire un servizio migliore, l’anticipo di nuovo materiale rotabile e la fine dell’ambiguità per cui controllore e controllato coincidono”.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco