Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.268.794
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 23 dicembre 2019 alle 18:48

Auchan-Conad, il presidio dei sindacati in Regione. Simply, tratta un altro acquirente

Il Simply di Barzanò, al quale è
interessato una terza società
A poco più di tre mesi dall’effettivo passaggio dei primi 109 negozi di Auchan Retail a Conad, sindacati e lavoratori sono tornati a farsi sentire quest’oggi, lunedì 23 dicembre, scioperando per otto ore e manifestando davanti alla sede di Regione Lombardia per chiedere maggiori tutele da parte delle aziende, che non hanno – fino ad oggi – messo in chiaro quale sarà il futuro di migliaia di posti di lavoro. Presenti anche le delegazioni dei sindacati lecchesi. A Merate ha sede il più esteso supermercato Auchan della Provincia, in via Bergamo, con circa 150 dipendenti.
Per loro è certo il passaggio a marzo a Conad. Ci sono poi il MyAuchan di via Roma a Lecco, che con ogni probabilità verrà rilevato da Carrefour, e il Simply di via IV Novembre a Barzanò, per il quale sembra invece essersi fatto avanti un altro operatore, diverso da quelli sopracitati. Ma l'incertezza regna sovrana. ''Tutti i territori lombardi hanno preso parte alla manifestazione di oggi'' ha spiegato Roberto Frigerio, segretario di Fisascat Cisl Monza-Brianza-Lecco. ''Sono diverse le problematiche ma forse a preoccupare maggiormente è la situazione dei lavoratori degli uffici di Rozzano. Per loro non è ancora arrivata nessuna proposta''. Nel corso del presidio di fronte alla Regione, una delegazione di sindacati e lavoratori ha potuto portare di persona le difficoltà che il passaggio di Auchan a Conad sta provocando all’assessore regionale al lavoro Melania Rizzoli. ''La Regione si è presa l’impegno di essere presente in questa vicenda, che può avere sicuramente un forte impatto occupazionale'' ha commentato Frigerio.
''Da questa disponibilità, anche nel premere affinchè il Mise faccia qualcosa, è necessario ripartire. Un passaggio di questa entità, con un coinvolgimento tale di lavoratori, non si era mai visto. Laddove ci saranno esuberi, cosa che molto probabilmente avverrà, ci sarà bisogno di un piano preciso''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco