Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 223.308.382
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/03/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 65 µg/mc
Valmadrera: 68 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Mercoledì 08 gennaio 2020 alle 17:39

Un lettore: mentre i comuni si interrogano sul suo destino, la piscina di Barzanò ''muore'' nonostante i tanti iscritti ed i servizi offerti

Riceviamo e pubblichiamo:

La piscina di Barzanò
Gentili Signori,
sono un lettore con a cuore il destino della Piscina di Barzanó e vi scrivo in merito all'articolo del 02 Gennaio dal titolo: "Casatenovo: rinnovato l'accordo per la gestione della piscina".
Premetto che sono un residente di uno dei comuni del consorzio, sono un utente della piscina, seppure non conosco nel dettaglio la situazione dei finanziaria della piscina e i costi che ancora gravano sui singoli comuni, penso di conoscere meglio di alcuni membri delle amministrazione comunali la situazione in cui versa la piscina.
Inviterei l'Assesore Comi di Casatenovo a visitare la piscina prima di dire che: "gli interventi di restyling dell'impianto vengano effettuati regolarmente, anche quelli di manutenzione straordinaria", perché forse si renderebbe conto che la situazione che dipinge non è uguale alla realtà. Con questa situazione di incertezza anche la manutenzione ordinaria e limitatissima, ci sono muri con intonaco che si stacca per l'umidità, piastrelle rotte, molti servizi igenici guasti o mal funzionanti e potrei continuare l'elenco. L'aspetto generale dell'impianto e degli ambienti risulta all'occhio abbastanza fatiscente. Parliamo poi della manutenzione straordinaria: gli impianti idraulici sono spesso in sofferenza, capita con frequenza di arrivare in piscina e sentirsi dire che ha causa di un problema tecnico l'acqua non è calda; negli ultimi anni sono stati fatti degli interventi alla copertura, perché gravamente danneggiata, ma sono certo sia stato fatto solo il minimo indispensabile, solo per la messa in sicurezza, lo si può notare abbastanza distintamente, infine negli spogliatoi si possono notare dei rinforzi ai pilastri che non sono molto rassicuranti e che lasciano pensare a una grossa problematica anche a livello strutturale.
Malgrado tutto, la piscina è molto frequentata, è abbastanza evidente. Ogni giorno ci sono centinaia di utenti che la frequentano e spesso i corsi di nuoto e non, sono al completo. Qualche lettore in precedenza aveva già fatto notare, portando l'esempio delle squadre di nuoto... A ulteriore scopo esemplificativo, posso dire che 2 giorni la settimana la piscina apre al nuoto libero dalle ore 07:00 e posso confermare che anche a quell'ora del mattino, sono presenti decine di nuotatori che approfittano per allenarsi prima di andare a lavorare. Anche il parco esterno nel periodo estivo è molto apprezzato e frequentato, non solo dai residenti nei comuni limitrofi, ma anche dalle province di Monza e Como, oratori, campi estivi etc.
Per questo motivo, fatico sinceramente a capire come le amministrazioni ponssano pensare che: "la Piscina non è più un asset strategico". Ad ogni modo, io sinceramente non so quale sia la soluzione giusta (e non sono qualificato per farlo), se la vendita a privati o se continuare con una gestione convenzionata, ma da utente e cittadino chiedo alle amministrazioni comunali che venga trovata una situazione defintiva in tempi brevi, perché sarebbe davvero un peccato non potere più usufruire di questo servizio (è così che lo considero) e temo ci sia questo rischio.

Cordiali saluti,

Un lettore
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco