Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 218.222.106
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 20/01/2020

Lecco: V.Sora: 69 µg/mc
Merate: 64 µg/mc
Valmadrera: 78 µg/mc
Colico: 62 µg/mc
Moggio: 84 µg/mc
Scritto Lunedì 13 gennaio 2020 alle 14:57

Galgiana: in oratorio la rassegna ''Don Casola su il sipario'' dal 18

Prenderà il via sabato 18 gennaio la seconda edizione della rassegna teatrale "Don Casola su il sipario", organizzata da Atonga in collaborazione con l'oratorio di Galgiana e con il patrocinio del Comune di Casatenovo.
Il primo appuntamento della rassegna è con ''Terra Matta'' di Stefano Panzeri. Uno spettacolo avvincente, tratto dalla straordinaria autobiografia di un bracciante siciliano di inizio secolo, scritta in sette anni, tra il 1968 e il 1975, su una vecchia Olivetti. Un’opera che si caratterizza per una lingua dura, grezza, infarcita di dialettismi, con il punto e virgola a dividere ogni parola dalla successiva. “Terra matta (1918-1943)” fa parte di una trilogia che intende ripercorrere tutta la vita del protagonista lungo tutto il Novecento. Lo spettacolo ha debuttato nel 2016 a Buenos Aires.


“Sulla base di una testimonianza autentica e personale come lo scritto di Vincenzo Rabito, costruisco personaggi, non appartenenti al vissuto dell’autore, ma “fatti” di storie vere, altrettanto autentiche, e inserisco tali personaggi nella narrazione, facendo lasciare anche a loro la propria testimonianza di vita” (Stefano Panzeri).
Per info/prenotazione di biglietti e/o abbonamenti:
info@atongasound.com, 333 3573927
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco