Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 220.234.021
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Giovedì 16 gennaio 2020 alle 13:27

Annone: incontro per gestire la logistica del Nameless. Individuati 2.500 parcheggi

Primo incontro tra comuni e operatori per gestire la logistica del "Nameless music festival", l'evento internazionale di musica elettronica, che per l'edizione 2020, in programma dal 30 maggio al 2 giugno, avrà come cornice la "Poncia" di Annone Brianza. Si tratta di un appuntamento di musica techno che ha un respiro internazionale e che per questo motivo richiamerà sul territorio un numero elevato di persone, in gran parte ragazzi. Nella scorsa edizione, che si è tenuta in via Fornace Merlo a Barzio, in Valsassina come accadeva da qualche anno, si sono registrate circa 50.000 presenze.

L'area della Poncia che ospiterà il Nameless

L'evento ad Annone, che si svilupperà su quattro giorni anziché su tre come accaduto fino a ora, si terrà alla "Nuova Poncia", area che in passato era stata teatro dell'affascinante "Carosello Equestre" condotto dal Reggimento a cavallo dell'Arma dei Carabinieri e, nel 2014, dei campionati mondiali Junior (WJUC) ed i campionati mondiali per Club (WUCC) di frisbee. Il Nameless si svolgerà in uno spazio che copre 200.000 mq di superficie, a circa 50 chilometri dagli aeroporti milanesi e con collegamenti veloci alla superstrada 36 del lago di Como e dello Spluga.
L'altra sera, ad Annone Brianza, si sono incontrati i sindaci dei comuni dell'area sulla quale graviterà l'evento: Patrizio Sidoti per Annone, Giuseppe Chiarella per Molteno e Andrea Colombo per Bosisio. Insieme a loro erano presenti gli organizzatori dell'evento, i responsabili delle polizie locali e i coordinatori di protezione civile. Prima questione messa sul tavolo, dopo alcuni incontri preliminari che si erano svolti nell'ambito della conferenza dei sindaci dell'oggionese, è la logistica. Il flusso previsto di persone è piuttosto importante e per questo si sta iniziando a programmare la sicurezza, per garantire il successo dell'evento senza inconvenienti. "Ciascuno ha portato le sue proposte, tanto che abbiamo individuato un buon numero di parcheggi. Nelle prossime settimane, i nostri vigili insieme agli organizzatori faranno un sopralluogo per capire se istituire un servizio navetta per raggiungere il festival" ha spiegato il sindaco Sidoti.
Per il momento sono stati individuati 2.500 parcheggi, distribuiti su cinque aree: Lariofiere a Erba (dispone di 1.200 posti auto) e la zona della Piccola a Lecco, per le quali è previsto un servizio navetta di collegamento con l'area del festival. Inoltre, sui tre comuni sono state individuate aree da mettere a disposizione per queste giornate: ad Annone sarà la zona industriale, a Bosisio l'area in via al Pascolo mentre a Molteno la zona industriale in frazione Pascolo.

"Sono tutte zone decentrate, in modo che non vadano a intaccare il centro dei paesi. Anche in questi casi, però, occorrerà verificare se attivare un servizio navetta o lasciare raggiungere a piedi la Poncia". Chi acquisterà il biglietto avrà comunque la possibilità di avere già il parcheggio assegnato in una delle zone individuate.
All'appuntamento hanno preso parte anche l'ex sindaco di Barzio e l'agente di polizia locale. "Hanno portato la loro esperienza e hanno parlato bene del festival, indicando i problemi che potremmo riscontrare. Il problema maggiore si potrebbe riscontrare con l'uscita: dato che la musica si spegnerà a mezzanotte, i ragazzi usciranno tutti insieme e ci saranno da gestire i genitori che li accompagnano. Al momento abbiamo pensato di creare una zona ad hoc in cui i genitori si fermeranno a prendere i figli e di mettere dei cartelli per dare l'indicazione" ha concluso Sidoti.
Il gruppo di lavoro si aggionerà nuovamente tra una ventina di giorni.
Michela Mauri
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco