Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 223.400.065
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/03/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 65 µg/mc
Valmadrera: 68 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Sabato 18 gennaio 2020 alle 18:58

Casatenovo: in tanti alla Colombina per il falò di Sant'Antonio e i giochi di una volta

Come da tradizione, anche quest'anno la comunità di Casatenovo si è riunita attorno al Falò di Sant'Antonio, evento organizzato dai volontari della Colombina in Piazza per la Pace nella serata del 17 gennaio, in cui si festeggia colui che viene considerato il Santo protettore degli animali domestici, dei contadini e degli allevatori.

Alcune immagini del falò alla Colombina

I volontari dell'associazione, guidati da Federico Pennati, organizzano questa manifestazione da oramai diversi anni e nonostante il trascorrere del tempo, l'occasione rimane ancora oggi una delle più sentite e attese da tutti i casatesi e non solo, collezionando anche questa volta centinaia e centinaia di partecipanti di tutte le età.

Il parroco don Antonio Bonacina

La serata ha preso il via alle ore 18, con la possibilità per gli avventori di cenare con delle pietanze della tradizione lombarda: zampone, lenticchie, trippa, "furmagitt", "vin brulé", barbera e frittelle, preparate dai volontari della cucina.

Alle 20.45 poi, il momento più atteso di tutta la serata: i bambini della comunità di Casatenovo, con l'aiuto del parroco don Antonio Bonacina, di Federico Pennati e di qualche genitore, si sono riuniti attorno alla legna con delle candele e delle fiaccole accese, che sono poi servite per accendere il fuoco. Un momento di grande meraviglia e ammirazione, in grado di stupire grandi e piccini.

Insieme a don Antonio e a Federico Pennati era presente anche Loretta Molinari, che ha intrattenuto i presenti con la lettura di un racconto, scritto da Italo Calvino, su come Sant'Antonio diede il fuoco agli uomini, estratto del libro "Fiabe Italiane": una storia in stretta relazione con l'evento, che ha catturato l'attenzione di tutti i presenti.

Oltre alla lettura interpretata dalla Molinari, per la serata erano previste altre iniziative, per condire l'atmosfera di gioia e di festa anche con un po' di sano divertimento.


Bambini, ragazzi e adulti si sono dunque sfidati ai tradizionali giochi di quest'evento, come lo spaca pignatt, con grande abbondanza di coriandoli e caramelle, il salto dell'oca e il tiro alla fune, tutte attività che hanno attirato un gran numero di partecipanti ma anche di curiosi. A dirigere il tutto è stata Veronica Pennati.

Il momento delle letture a cura di Loretta Molinari. A destra Federico Pennati

Infine, non è mancata neppure la componente musicale: il salone della Colombina infatti è stato teatro di una sessione di country tenuta dalla scuola di Monticello Thundering Heels, che da poco è presente proprio nella sede dell'associazione casatese con il corso base.

"Una partecipazione eccezionale, da record" ha detto Federico Pennati, "voglio dire grazie col cuore per l'impegno e lo spirito di coerenza che ancora è stato protagonista di questa manifestazione bellissima".

Un caldo fuoco al quale scaldarsi, giochi divertenti, buona musica e buon cibo: il Falò di Sant'Antonio si riconferma, anche quest'anno, uno degli eventi più partecipati di Casatenovo.
G.G.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco