Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.977.424
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Martedì 21 gennaio 2020 alle 08:52

Più Casatenovo: criticità nei lavori della Piazza di Rogoredo

Riceviamo e pubblichiamo la lettera che il gruppo consiliare di minoranza Più Casatenovo ha protocollato in queste ore in municipio, rispetto ad alcune criticità individuate nella nuova Piazza della Chiesa di Rogoredo, i cui lavori non sono ancora conclusi definitivamente.

Di seguito il testo della missiva:

Al Signor Sindaco Filippo Galbiati All'Assessore ai Lavori Pubblici Guido Pirovano
Al Comandante della Polizia Locale
Al Consiglio Comunale

Oggetto: lavori riqualificazione Piazza della Chiesa Rogoredo

In seguito a molteplici segnalazioni da parte dei cittadini, con la presente evidenziamo alcune palesi criticità in merito alla sicurezza della nuova piazza antistante la Chiesa di Rogoredo, sia con riferimento alla circolazione degli autoveicoli, sia dei pedoni.
Per mesi, prima di sottolineare le problematiche della nuova piazza, si è pazientato, rassicurando anche i cittadini, aspettando l'ultimazione dei lavori, per verificare se tali problematiche fossero già oggetto di previsti interventi risolutivi. Tuttavia, seppur la data fine lavori era indicata e prevista per il 25 luglio 2019, ad oggi, a quanto è visibile, permangono lavori non completati, posto che vi sono del malconci cavalletti di protezione ai due blocchi di cemento, ad uso panchine e agli spazi dedicati alla piantumazione, ancora vuoti, oltre che un provvisorio parapetto, con rete da cantiere, sul lato destro della nuova piazza, prospiciente la Chiesa. Tale precaria situazione si protrae da oltre due mesi, senza alcun intervento di sorta e senza una formale ultimazione dei lavori e consegna del cantiere.

Ciò nonostante, il cartello dei lavori, con gli identificativi di legge sulla committenza, l'appaltatrice ed i professionisti responsabili, è stato gettato e nascosto dietro al Monumento ai Caduti.
Solo per lo stato di fatto appena descritto, appaiono più che evidenti le gravi lacune ed i rischi per la sicurezza dei cittadini, nonché le violazioni alle più elementari norme di cantiere e di esecuzione lavori: un cantiere abbandonato, ammesso che si possa considerare ancora tale, con dei manufatti incompleti, con delle protezioni che di per sé rappresentano esse stesse un pericolo (cavalletti arrugginiti, traballanti), illusorio baluardo a dei buchi nella pavimentazione della piazza e, sul sagrato, a un salto verso le strada di quasi due metri (!). Peraltro, nessuna segnalazione, né luminosa né cartellonistica, è rimasta per avvisare del pericolo.
Per quanto concerne la circolazione dei veicoli e quindi il tratto di strada rifatto e ripavimentato, l'elemento di maggior rischio, visibile semplicemente osservando il traffico per una manciata di minuti, deriva dalla mancata delimitazione esterna della carreggiata stradale, impossibile da vedere per i guidatori, che porta i veicoli che arrivano dal bar a non effettuare la curva antistante il sagrato della chiesa e gli altri, provenienti dalla direzione opposta, ad invadere la piazza passando a pochi centimetri dalle due pericolose panchine di cemento per poi passare sull'area riservata ai parcheggi, percorrendo, quindi, ampi tratti di area pedonale. Area che, peraltro, risulta del tutto sprovvista di delimitazioni di sorta, con quanto ne consegue sull'incolumità dei cittadini.


Peraltro, né la creazione dei due dossi artificiali, né il divieto di superamento dei 30 Km/h risultano accorgimenti sufficienti per garantire la sicurezza della viabilità. La mancata demarcazione della carreggiata e della piazza comporta, quindi, un grave e costante pericolo, aggravato ancor più dall'angolo retto e stretto, senza alcun invito di carreggiata, per l'imbocco del senso unico di via alla Cappelletta.
Si evidenzia altresì la mancanza di segnaletica verticale e orizzontale per il passaggio pedonale davanti alla Chiesa, il quale non risulta essere di immediata visibilità e quindi pericoloso per l'attraversamento.
Non solo. Anche i parcheggi previsti di fronte alla piazza presentano alcune problematicità. La più importante, il posteggio riservato alle persone con disabilità, collocato come primo stallo della fila, in una posizione molto scomoda che ne impedisce la fruibilità e che presenta evidenti criticità nella manovra di uscita, non essendoci visuale di sorta; Problema che si riverbera anche per gli spazi successivi, quanto meno sino a metà degli stalli previsti. Peraltro, la mancanza di sosta a disco orario, sta comportando che detti parcheggi risultino occupati, senza soluzione di continuità, tutto il giorno, impedendo la diversificazione della sosta e l'impossibilità di parcheggio per gli avventori degli esercizi commerciali.

Tanto premesso, si chiede riscontro e si suggerisce quanto segue:
-Stato del cantiere e dell'iter amministrativo dello stesso, se vi siano state comunicazioni o richieste di intervento alla committenza e/o all'impresa esecutrice dei lavori, data deposito fine lavori e consegna formale dell'opera, con collaudo definitivo della stessa, anche ai fini della responsabilità attuale dell'area, in caso di sinistro e di danni a persone e cose, ferma la responsabilità oggettiva del Comune.

-Se sono allo studio degli accorgimenti per risolvere le criticità evidenziate, relativamente alle protezioni delle panchine (o presunte tali), ai buchi predisposti per la piantumazione, nonché alle protezioni di tutta la parte destra del sagrato (fronte Chiesa), stante l'altezza dello stesso, rispetto alla strada sottostante. In difetto di tali previsioni, chiedere interventi in tal senso, correttivi di quanto eseguito sinora.
-Se sono allo studio degli accorgimenti per delimitare la carreggiata esterna, lato Chiesa, nonché l'attraversamento pedonale. In difetto, chiedere posizionamento di segnaletica ad hoc, luminosa o meccanica, volta a delimitare con certezza la carreggiata, per impedire che le autovetture invadano l'area pedonale e, in egual misura, evidenziare e rendere visibile l'attraversamento pedonale e l'imbocco di via alla Cappelletta.
-Prevedere lo spostamento del parcheggio riservato ai disabili, in area più visibile e che renda più semplice la manovra in entrata e in uscita.
-Istituire il disco orario sui parcheggi attualmente previsti nella piazza.

In attesa urgenti Vostre,

Gruppo consiliare Più Casatenovo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco