Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.494.396
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 25 gennaio 2020 alle 18:22

Più Casatenovo: esponiamo di nuovo il cartello per chiedere verità sulla morte di Regeni

Riceviamo e pubblichiamo un intervento del gruppo di minoranza Più Casatenovo. Nel giorno del quarto anniversario dal rapimento di Giulio Regeni, la formazione composta da Marco Pellegrini, Lorenzo Citterio, Barbara Beretta e Marcello Paleari torna a chiedere all'amministrazione comunale del sindaco Filippo Galbiati la possibilità di esporre all'esterno del municipio (come già fatto in passato) il cartello per chiedere verità sull'uccisione del ricercatore italiano in Egitto, reiterando dunque un quesito già esposto in consiglio comunale nei mesi scorsi:



Il consiglio comunale nel 2016, all'avvio dell'adesione alla campagna promossa da Amnesty International

In Conferenza Capigruppo abbiamo ribadito la richiesta, fatta già a suo tempo in Consiglio Comunale, di ricollocare sulla facciata del Municipio la targa "VERITÀ PER GIULIO REGENI" che era stata a suo tempo rimossa. Alla proposta era seguito il successivo invito, da parte del Sindaco, di valutare se proseguire nel sostenere questa campagna o affrontare tematiche riguardanti i principali problemi sociali. Con la presente il nostro Gruppo ritiene, visto che oggi 25 gennaio è la ricorrenza della scomparsa di Giulio e che in questi giorni è in uscita il libro, "Giulio fa cose", scritto dai genitori di Giulio, i quali negli interventi di presentazione hanno rinnovato la richiesta di sostegno per la ricerca della verità sulla morte del figlio, di rimettere la suddetta targa e di seguire e dove possibile condividere le iniziative che si stanno organizzando in tutta Italia per ricordare che sono trascorsi quattro anni dall'uccisione del giovane, senza aver ottenuto ancora "una verità" da parte delle autorità egiziane.
Successivamente a quanto proposto, si ritiene doveroso intraprendere un percorso che porti ad organizzare iniziative di sensibilizzazione dei cittadini da concordare collegialmente.

Articoli correlati:
03.08.2019 - Casateonovo: rimosso prima delle elezioni il cartello su Regeni. Citterio chiede il perchè
Gruppo consiliare Più Casatenovo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco