Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.474.559
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 29 gennaio 2020 alle 17:19

I lavori di Anas sulla SS36 al via non appena le temperature lo consentiranno

Il consigliere regionale Corbetta
"Gli interventi d'emergenza sull'asfalto della Statale 36 vanno eseguiti il più velocemente possibile per evitare ulteriori incidenti e danni alle vetture. Chiedo quindi ad Anas di attuare la messa in sicurezza nel giro di pochissimi giorni".
Così Alessandro Corbetta, Consigliere regionale della Lega, il quale nei giorni scorsi aveva scritto ad Anas per chiedere interventi urgenti sulla Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga, il cui manto stradale presenta forti criticità.
"Oggi - spiega Corbetta - è arrivata la risposta ufficiale di Anas alla mia nota in cui chiedevo interventi urgenti di rifacimento dell'intera pavimentazione ammalorata. I lavori, da quanto scrive Anas, sono stati programmati per il tratto Monza-Lecco e partiranno non appena le temperature lo consentiranno, probabilmente per il mese di marzo, e avranno un importo totale di circa 8 milioni di euro. Tuttavia Anas assicura che verranno eseguiti degli interventi di emergenza nel mese di febbraio, perché alcuni tratti risultano così danneggiati da non poter attendere".
"E' folle - continua Corbetta - che ci si trovi in questa situazione, Anas infatti doveva prevedere ed effettuare prima i lavori e non lasciare che l'asfalto di una delle strade più trafficate e pericolose del Paese si deteriorasse in questo modo. Ora attendiamo questi interventi emergenziali annunciati da Anas, è chiaro però che devono avvenire il più velocemente possibile perché la situazione non è più sostenibile. Ci aspettiamo quindi nel giro di pochissimi giorni - conclude Corbetta - la messa in sicurezza dei punti più critici: ogni ora che passa senza intervenire aumenta il rischio di incidenti e danni ai mezzi, come peraltro è successo in questi giorni''.
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco