Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.705.752
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 30 gennaio 2020 alle 17:11

FP CGIL: ''a La Nostra Famiglia disdetta unilaterale dei contratti''

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dalla FP Cgil Lecco sulla situazione a La Nostra Famiglia di Bosisio, precisando sin da ora che lo spazio è a disposizione per eventuali repliche o precisazioni:



Non bastavano i tredici anni di mancata firma del contratto nazionale Aris Rsa. Ora a La Nostra Famiglia ci sono altri problemi per i lavoratori. Proprio lunedì, infatti, l'azienda ha comunicato la disdetta unilaterale dei contratti applicati ai lavoratori.



A destra Catello Tramparulo

"Si tratta di una grossa difficoltà, perché porterebbe a dover gestire l'applicazione di un contratto che porterebbe, per esempio, la settimana lavorativa da 36 a 38 ore - afferma Catello Tramparulo, segretario generale Fp Cgil Lecco -. A livello nazionale Cgil, Cisl e Uil hanno diffidato immediatamente La Nostra Famiglia dall'applicazione di questo contratto e per questo il prossimo 11 febbraio ci sarà un incontro a Roma dove i vertici dell'azienda dovranno dare spiegazioni di questa scelta unilaterale, non condivisa con le organizzazioni sindacali".



Nella giornata di giovedì si sono tenute due assemblee nella struttura di Bosisio Parini, a cui hanno partecipato oltre 400 lavoratori provenienti da tutte le sedi provinciali. "È stato votato un ordine del giorno in cui si dà mandato alle segreterie nazionali di tenere alta l'attenzione su questa situazione - prosegue Tramparulo -. Chiaramente in assenza di un'apertura de La Nostra Famiglia sarà indetto lo stato di agitazione. Anche perché non si possono prendere in giro le lavoratrici e i lavoratori".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco