Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.475.210
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 05 febbraio 2020 alle 09:39

Casatenovo, il Sindaco sui minori stranieri nati in Italia: ''a favore dello ius temperato''

Negli anni scorsi si è aperto un dibattito circa ius soli ed ius sanguinis, in riferimento alla cittadinanza italiana dei bimbi, figli di genitori stranieri, nati in Italia; il dibattito si è poi perso, come spesso capita, per varie ragioni di opportunità politica ed elettorale.
Ho compiuto una verifica in Casatenovo per capire le dimensioni della questione nel nostro Comune, ad oggi.
Su una popolazione di circa 13.100 abitanti, sono 124 i minori stranieri, quindi privi di cittadinanza italiana, nati in Italia e residenti a Casatenovo, 66 maschi e 58 femmine.


Filippo Galbiati, sindaco di Casatenovo

I minori sono nati negli Ospedali delle seguenti città:

59 Merate
38 Carate
7 Monza
5 Milano
4 Vimercate
4 Lecco
3 Erba
1 Chieti
1 Roma
1 Magenta
1 San Bonifacio

La cittadinanza in regime di ius sanguinis non deriva dal Paese di nascita ma dalla nazionalità dei genitori; le nazionalità rappresentate nel gruppo dei 124 minori sono le seguenti:

26 Marocco
20 Romania
17 Albania
11 Senegal
7 Moldavia
6 Egitto
6 Burkina Faso
5 Costa d'Avorio
5 Ucraina
4 Ecuador
3 Togo
2 Filippine
2 Bulgaria
2 Polonia
2 Benin
2 Cina
2 Portogallo
1 El Salvador
1 Ghana

Di seguito le face d'età:

12 sono nati tra il 2002 e il 2005
19 sono nati tra il 2006 e il 2008
30 sono nati tra il 2009 e il 2011
23 sono nati tra il 2012 e il 2014
23 sono nati tra il 2015 e il 2017
17 sono nati tra il 2018 e il 2020

L'ultimo nato è un bimbo moldavo, nato a metà gennaio, a Merate.
La proposta dello ius soli temperato prevedeva, da qui il termine temperato, nella versione depositata in Senato e mai approvata due requisiti: nascita in Italia ed un genitore residente in Italia da almeno 5 anni (al fine di evitare turismo - per la cittadinanza - delle mamme in attesa).
Per la Legge attualmente in vigore invece (ius sanguinis) i minori nati in Italia possono comunque richiedere di acquisire la cittadinanza italiana ad un anno dal compimento del 18° anno di età se comprovano di aver risieduto ininterrottamente in Italia. La domanda va presentata presso l'Ufficio anagrafe del Comune dove si ha la residenza. A 19 anni, quindi, possono divenire cittadini italiani.
Possono inoltre acquisire la cittadinanza italiana, anche in età minore, se la cittadinanza è nel frattempo acquisita da un genitore.
L'effetto dello ius soli temperato non sarebbe quindi quello di favorire una società multietnica, le cui dinamiche sono molto più complesse.
Avrebbe invece come effetti quelli di evitare alcuni problemi burocratici nella minore età e di garantire pieni diritti di cittadinanza a minori nati in Italia che frequentano le nostre scuole, i nostri oratori, le nostre associazioni sportive, ma che in ogni caso al compimento della maggiore età hanno diritto alla cittadinanza e quindi acquisiscono i diritti politici.
Io sono convintamente a favore dello ius soli temperato, non è certo questo che favorisce la società multietnica. Sarebbe un passo avanti in termini di costruzione di comunità in cui il senso di appartenenza è fondante. Sono a favore per ragioni più pratiche che ideologiche e mi farebbe piacere che il Parlamento ne riprendesse la discussione, liberandola da inutili e sterili prese di posizioni sui vari fronti.

 

Filippo Galbiati, Sindaco di Casatenovo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco