Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 284.394.209
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 06 febbraio 2020 alle 16:32

Barzanò: finto tecnico truffa una coppia di anziani. Rubati oro e denaro contante

Immagine di repertorio
Truffa ai danni di una coppia di anziani mercoledì mattina poco prima delle ore 11 a Barzanò, quando una persona all'apparenza seria e affidabile si è presentata alla porta dei due residenti in Via della Madonnina - a pochi passi dal centro paese - che in quel momento si trovavano soli in casa.
Con tono rassicurante e modi gentili è riuscito a conquistare la fiducia dei due anziani e ad entrare nell'abitazione.
Per rendere più convincente possibile la propria ''missione'', il balordo si è spacciato per un tecnico della rete idrica impegnato in alcuni controlli per verificare la qualità dell'acqua che scorreva dal rubinetto.
E il risultato di quelle prove, a suo dire, non sarebbe stato per nulla positivo, tanto che il truffatore - probabilmente dopo aver spruzzato nel lavandino qualche sostanza dall'odore acre - è riuscito a convincere i padroni di casa del concreto rischio di contaminazione delle tubature. L'acqua, a contatto con gioielli, banconote, avrebbe potuto danneggiarli in maniera seria, rendendoli così inutilizzabili o comunque privandoli del loro valore economico.
E così i due anziani fidandosi di quelle parole pronunciate dal presunto tecnico - che parlava addirittura in dialetto e ha finto di essere un amico della figlia della coppia - gli hanno consegnato gioielli e denaro contante per un valore di circa 800 euro. E' bastato poi distrarre i due con una scusa: l'ignoto malvivente è riuscito a dileguarsi con il bottino.
Quando i barzanesi hanno notato che il finto tecnico era sparito all'improvviso, non ci hanno messo molto ad accorgersi che i preziosi e le banconote non c'erano più; a quel punto non è rimasto altro che allertare i familiari e denunciare poi l'accaduto ai carabinieri.
Si tratta dell'ennesimo episodio che si registra ai danni della popolazione più anziana; a questo proposito l'invito costantemente diffuso da istituzioni e forze dell'ordine ai cittadini (qualche giorno fa dall'Arma dei carabinieri) è quello di prestare la massima attenzione, non aprendo agli sconosciuti per nessun motivo, affinchè queste truffe non si possano più ripetere. In caso vetture o presenze sospette è possibile contattare il numero unico di emergenza 112.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco