Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.184.453
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 10 febbraio 2020 alle 08:46

Ospiti di Casa Sanremo, i Blue Rose raccontano il loro festival tra musica e curiosità

La settantesima edizione di Sanremo, il Festival della Musica Italiana più apprezzato del Paese in onda ogni anno su Rai Uno, è oramai giunta al termine. Per quasi una settimana diverse star del mondo della musica si sono esibite sul palco dell'Ariston davanti a migliaia di telespettatori di tutta Italia. Ma Sanremo non è solo quello che si vede sugli schermi televisivi: il Festival infatti, ospita anche molti artisti emergenti, in contesti come quella di Casa Sanremo ad esempio.
I Blue Rose, band del Casatese e dintorni composta da Denis Burghelea (23 anni, voce), Lorenzo Rocchiccioli (24 anni, chitarra), Andrea Lanzi (22 anni, batteria) e Gianmarco Bado (27 anni, basso), il 5 febbraio hanno avuto la possibilità di partecipare ed esibirsi in questa ambitissima occasione, e hanno accettato di parlarcene in un'intervista.

I Blue Rose a Sanremo nei giorni del settantesimo Festival

"Siamo arrivati a suonare a Casa Sanremo grazie alla vittoria che abbiamo conseguito lo scorso ottobre al Nice Voice Festival, una competizione che fa parte del circuito dei Grandi Festival Italiani" racconta Denis. "Ci siamo presentati con il vincitore del Nice Voice Festival per la caterogia ‘cover' Alessio Calciolari, questo per dire che c'era un partner della provincia di Monza con noi, proveniente dallo stesso festival. Abbiamo alloggiato tutti insieme in un appartamento a Imperia, prenotato da noi, dunque separatamente rispetto a Sanremo, e siamo rimasti lì dal 4 notte al 5 sera" spiegano, in merito all'aspetto più tecnico della loro permanenza in Liguria. "Il festival è pieno di artisti e situazioni interessanti per poter scambiare contatti e conoscersi, ci sono occasioni davvero avvincenti. E' inoltre un ambiente molto variegato, Alessio Calciolari, come già si diceva, si è presentato nella categoria cover... insomma, si partecipa per cose veramente diverse".
Una volta giunti a Sanremo, i Blue Rose hanno potuto esibirsi davanti a un pubblico di giornalisti, produttori e personaggi di rilievo del mondo della musica. "Siamo stati nella sala Luigi Tenco della Casa Sanremo, e quest'ultima si trova nel Palafiori, che è a 500 metri dal Teatro Ariston. E' una struttura che ospita tutti i grandi artisti del festival, i big, le nuove proposte... c'è poi una zona adiacente dove si riunisce la stampa e in cui poi gli artisti vanno anche a esibirsi" spiega Lorenzo. "Abbiamo suonato il 5, in mattinata, intorno alle 11. Eravamo lì con gli altri cantanti e cantautori che avevano vinto altri contest del circuito dei Grandi Festival Italiani, c'era molta gente. A ognuno dei partecipanti è stata data la possibilità di portare un proprio inedito o una propria cover per la performance, così noi abbiamo suonato Stranger, in un'esibizione durata circa 3 minuti".

La band infatti, il 2 febbraio ha pubblicato su Youtube il videoclip del singolo "Stranger", primo di una lunga serie di inediti. "Durante l'esibizione davanti a noi c'erano diversi giornalisti e giudici, e tra questi, ci ha colpito ed entusiasmato molto la presenza di Vince Tempera, noto personaggio del panorama musicale italiano. C'erano anche produttori discografici e altri personaggi particolarmente importanti, un'emozione unica".
Partecipare a Casa Sanremo è sicuramente uno dei traguardi più ambiti e desiderati da tutti gli artisti emergenti sulla scena musicale, e lo è ancora di più per una band giovane come quella dei Blue Rose. Il gruppo, infatti, suona insieme da solo un anno, e il bassista, Gianmarco Bado, è entrato a far parte del complesso solo ad agosto. "Quella di Casa Sanremo è stata un'esperienza meravigliosa: poter entrare a contatto con persone così importanti dal punto di vista musicale è stato davvero formativo per noi come band, soprattutto considerato il fatto che non è da molto che suoniamo insieme" spiegano. "Aver avuto questa possibilità ci ha fatto crescere tanto, e ne siamo molto grati".
Insomma, quella dei Blue Rose si direbbe proprio un'esperienza invidiabile. Tutto, dall'atmosfera al clima, passando per la compagnia e per gli ascolti, sembra essere stata una vera e propria buona riuscita per il gruppo. "La cosa di cui siamo stati più entusiasti, al di là del suonare l'inedito che, comunque, abbiamo la possibilità di proporre anche in altre occasioni, è stata proprio quella poter essere lì: quella di Sanremo è una vetrina fantastica, l'area del festival è stupenda e ben organizzata; si incontrano nuove persone, si creano opportunità, nuove collaborazioni". Una vera e propria occasione. "Per un gruppo, ritrovarsi in solo un anno a Casa Sanremo con la gente che, una volta uscito, chiedeva una foto insieme, è davvero più che insolito, ed è un insolito che fa piacere".

Come già si accennava prima, la possibilità di partecipare a Casa Sanremo è stata sicuramente un trampolino di lancio sia per il gruppo in sé, sia per la promozione del videoclip del nuovo singolo Stranger: "tutto quello che abbiamo fatto ha influito positivamente anche su come sta andando il videoclip, che sta girando molto e per il quale abbiamo ricevuto un sacco di feedback positivi" raccontano, ma oltre ai traguardi ottenuti con i progetti recenti, i Blue Rose hanno annunciato anche i loro disegni per il futuro. "Abbiamo un sacco di progetti - in realtà, questo è solo l'inizio: abbiamo in programma un videoclip di un nuovo inedito, che registreremo ad aprile; tra fine febbraio e inizio marzo torneremo in studio a registrare altri 4 brani per un EP di 5 pezzi, chiaramente inediti, e poi parteciperemo a vari concorsi e festival. Abbiamo anche tante serate in programma, da qui fino a settembre". Per questo riportano ai loro social network, instagram e facebook, che vengono aggiornati a ogni nuova pubblicazione di date.

Una band carica di energia e vitalità, con un futuro estemamente radioso e brillante. E a tal proposito, l'esperienza dei Blue Rose in Liguria non finisce qui: a giugno infatti, il gruppo avrà la possibilità di esibirsi a Sanremo Rock, altra manifestazione di particolare rilevanza e importanza, questa volta dedicata esclusivamente alla musica rock. "E' una grande opportunità per noi: lì infatti ci esibiremo sul palco dell'Ariston e sarà un sogno. Pensare che quest'anno parteciperemo al festival due volte ci riempie di gioia, Sanremo Rock è il nostro mondo. Questa prossima meta sarà ancora più stravolgente e meravigliosa di questa appena passata, non vediamo l'ora di parteciparvi e vi terremo aggiornati".
Articoli correlati:
08.01.2020 - I Blue Rose sono pronti per Sanremo Rock. Un'esperienza nella musica tutta in ascesa
Giulia Guddemi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco