Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 255.450.381
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 14 febbraio 2020 alle 17:21

Avis Costa: nel 2019 sono aumentati gli iscritti, ma è diminuito il sangue donato

Sala consiliare gremita in occasione della 67° assemblea annuale di Avis Costa Masnaga, che giovedì 13 febbraio è stata ospitata dal Comune di Bulciago. Durante la serata la sua presidente, Lucia Mevio, ha illustrato l'andamento complessivo del sodalizio e il programma delle attività proposte lo scorso anno, aprendo la riunione con un ringraziamento speciale rivolto a tutti i volontari che in questi anni di attività hanno contribuito a sostenere l'associazione.

La presidente Lucia Mevio

Presenti in sala civica anche il sindaco di Bulciago, Luca Cattaneo, il rappresentante di Avis Provinciale Lecco, Sergio Mauri e lo storico direttore sanitario di Avis Costa, il dottor Sergio Cattaneo, che da qualche mese per motivi di lavoro ha dovuto cedere il posto al dottor Luca Bonacchini e che è stato omaggiato con un riconoscimento dal direttivo dell'associazione.

"Chi diventa donatore lo fa per essere utile a chi sta male, non pensa che la solidarietà si può esprimere anche con il lavoro d'ufficio o con l'impegno nella vita associativa. A volte si fa già fatica ad organizzarsi per la donazione, figuriamoci partecipare all'assemblea!" ha dichiarato la presidente, affiancata dalla tesoriera Michela Sirtori e dal segretario Daniele Isella, proseguendo con il suo intervento.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


"Da qualche mese il nostro presidente regionale Oscar Bianchi ha firmato un protocollo con ANCI in modo da ufficializzare e rendere ancora più stabile e concreta la collaborazione tra Avis e Comuni. Nel 2019 inoltre ci siamo cimentati per la prima volta in un progetto di tipo fotografico, dal nome "Scatto alla vita", e la foto scelta nel concorso ci ha colpiti per il significato che ha voluto trasmettere, cioè che il vero dono è la non indifferenza. Quest'ultima è proprio ciò che caratterizza anche e soprattutto il dono del sangue. Volendo riassumere in una frase il bilancio morale dell'anno appena concluso, direi che non siamo stati indifferenti".

Passando ai numeri, l'immagine scattata alla fine del 2019 comprende un numero di donatori pari a 1150, di cui 45 stranieri e in crescita di 20 rispetto alll'anno precedente. Sempre nel 2019 le donazioni totali sono state 2136; in ogni giornata lavorativa Avis Costa Masnaga è stata infatti presente in ospedale con una media di 7 donatori, anche se il numero delle donazioni è leggermente diminuito, con una maggior contrazione delle plasmaferesi rispetto alle donazioni di sangue intero. Alla fine dell'anno erano 190 i soci che risultavano sospesi a vario titolo dalla possibilità di donare; tra loro 39 socie erano ferme per gravidanza e allattamento, 56 soci per problemi sanitari e 95 soci per motivi personali, ma nonostante ciò l'associazione è comunque sempre riuscita a completare la programmazione e a rispondere positivamente.

Il numero di persone che decide di non donare per motivi personali è sempre alto; al di là delle motivazioni personali di ognuno, far convivere la donazione con le problematiche connesse al lavoro a volte diventa difficile e nel programmare gli invii dei donatori bisogna tenere conto di queste difficoltà. C'è dunque un grande impegno e dispendio di energie e tempo da parte dei volontari che seguono la programmazione.

Una proposta di Avis Costa emersa nel corso della serata, è quella di allungare gli orari dei sabati trasfusionali per andare incontro alle esigenze dei donatori. Oltre al lavoro ordinario in sede, nell'apertura del venerdì e all'opera instancabile dei volontari - la risorsa più preziosa dell'associazione - nel 2019 Avis Costa è stata presente e ha contribuito alla buona riuscita di molteplici occasioni culturali e sportive. Citiamo a questo proposito Al cinema per solidarietà, il dono di testi alla biblioteca di Costa Masnaga, la presenza durante la consegna delle borse di studio da parte delle amministrazioni di Rogeno, Garbagnate e Molteno e del materiale alle squadre con le quali ha collaborato.

E' proseguito anche nel 2019 il lavoro nella scuola primaria e secondaria del territorio con gli incontri di "Educazione alla salute e alla solidarietà" durante i quali l'équipe scuola è stata impegnata per una decina di incontri e ha parlato con oltre 400 alunni. Altri progetti sulla prevenzione sono stati messi in campo in primis a favore delle donne, per l'effettuazione di mammografie ed ecografie bilaterali, seguite dal progetto di disostruzione pediatrica con i volontari di Croce Verde di Bosisio, la possibilità offerta ai più giovani di richiedere un certificato medico sportivo sostenuto da Avis e la conclusione del progetto triennale di Cresciamo Insieme nelle scuole dell'infanzia.

Il dottor Cattaneo

Tra gli appuntamenti più importanti per l'associazione nell'anno appena conclusosi non bisogna però dimenticare la Giornata Mondiale del Donatore, il 16 giugno 2019 e la consegna delle benemerenze ai soci che avevano maturato i requisiti necessari: 124 soci per ritirare la benemerenza rame, 114 per la benemerenza argento e 82 per la benemerenza argento dorato. Novità apprezzata e già sperimentata nel corso del 2019 è infine quella del nuovo gestionale AVISNET, che anche per il 2020 costituirà un utile strumento per agevolare il lavoro a livello burocratico, sul cui fronte inciderà anche l'implementazione del nuovo statuto dell'associazione adottato nei mesi dello scorso anno.

Insieme all'illustrazione delle spese e delle entrate, che ammontano entrambe a circa 57mila euro, la presidente Mevio ha esposto anche le attività che saranno proposte quest'anno e che seguiranno l'impronta giù marcata in questi anni stando vicino ai giovani e sostenendo le iniziative culturali e cercando di avvicinare sempre più persone al mondo della donazione.

Un momento sempre conviviale in un'atmosfera famigliare per l'assemblea Avis: un'occasione per fare il punto sugli impegni in programma e riaffermare con sempre più convinzione la propria missione a sostegno dei malati, di chi ha bisogno e in generale del prossimo.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco