Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.075.050
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 24 febbraio 2020 alle 16:30

Casatenovo da scoprire/11: un ''tuffo'' nel passato per conoscere la storia di C.na Melli

L'undicesima puntata della nostra rubrica ''Casatenovo da scoprire'' è dedicata a Cascina Melli, imponente corte situata in località Rogoredo.

Una veduta di Cascina Melli

Durante la seconda metà dell'Ottocento la frazione casatese comincia ad assumere una struttura simile a quella degli abitati di inizio Novecento. La strada che ancora oggi è registrata con il toponimo di San Gaetano infatti, diviene una vera e propria via, non più una mulattiera tortuosa tra rustici e casa coloniche, dato che le corti principali vi si iniziano ad affacciare.

Importante proprietario fu Giovanni Melli, figlio di Lucio, che a quel tempo possedeva la Corte della Chiesa e i rustici ad essa annessi, dimorando in una casa nobiliare che sarebbe poi divenuta la celebre Villa Maria.
Alla famiglia Melli si deve l'edificazione dell'omonima cascina al confine con Velate, soprannominata California dagli abitanti di Rogoredo dato che era parecchio distante dal centro del paese.

A partire dal diciannovesimo secolo, le grandi famiglie cominciarono a passare i loro possedimenti a eredi sempre più indiretti e buona parte dei terreni e delle case finiscono, per lasciti o donazioni, nelle mani di enti ecclesiastici. Una sorte diversa però ebbero i possedimenti della famiglia Melli come cascina California, che finirono tutti nelle mani della famiglia Boringhieri nel 1874.

Negli anni successivi si ebbe il fenomeno del frazionamento dei grandi fondi terrieri a partire da quella specie di "corsa alla terra" che vedrà nei decenni successivi i contadini acquistare campi e immobili, punti forse da una sorte di spirito di emancipazione e da un miraggio, non sempre felice, di una maggiore sicurezza economica.
Cascina Melli mantiene l'originale struttura tipica delle corti: da una parte le abitazioni con un portico e, simmetricamente, le stalle ed i fienili dall'altra parte di un cortile che divide i due edifici.

Nel tempo si è diffusa anche una leggenda popolare sul nome della cascina secondo la quale - dato che si trovava in una zona dove trovavano posto dei cassotti per la caccia ai merli - il nome deriverebbe dalla storpiatura di questi volatili. A causa di questa leggenda quindi, si è sempre erroneamente pensato che la cascina avesse preso da lì il proprio nome.

Per raccogliere informazioni sulla storia e gli aneddoti della corte abbiamo avuto la possibilità di ascoltare le interviste realizzate ad alcuni degli inquilini della struttura, messi a nostra disposizione dall'associazione Sentieri e Cascine. La prima tra tutte è quella ad Achille Corbetta, che ha lasciato in eredità il racconto della sua gioventù al termine del ventennio fascista, quando gli uomini e i giovani andavano a lavorare al salumificio Vismara oppure a Milano nelle fabbriche. Il signor Corbetta lavorava al tempo della guerra in un magazzino di carbone e legna da ardere da cui, dopo aver timbrato il cartellino, partiva per consegnare il materiale alle varie imprese di Milano; il carbone infatti, era fondamentale all'epoca per poter far andare le macchine per la produzione.

Corbetta ricevette la chiamata alle armi per l'anno di leva e per questo motivo il padrone del magazzino gli disse di andare a fare il servizio militare, promettendogli che al suo ritorno avrebbe conservato per lui il posto di lavoro. Dato che però Achille non condivideva le idee fasciste, si diede alla macchia nascondendosi nella zona che si trova tra cascina Melli e il Dosso di Velate. "Dormivamo sotto un cassotto, in un avvallamento nel quale riuscivamo a ripararci durante la notte". Il signor Corbetta, come tanti altri, vennero soprannominati "sbandati" dato che si macchiarono del reato di diserzione dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 e dovette vivere nell'ombra per evitare di essere trovato dai fascisti che avevano instaurato la Repubblica Sociale di Salò.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

La situazione cambiò quando il comune ed i tedeschi concedettero ad Achille Corbetta un permesso che lo esonerava dal servizio militare per motivi di lavoro, dato che la sua mansione era indispensabile per la sopravvivenza della sua famiglia, ma non tutti gli sbandati erano stati così fortunati: "Una volta I tedeschi vennero a fare un controllo a Cascina Melli, dove vivevo. Il mio vicino di casa mi venne a svegliare dato che c'era un problema: avevano abbattuto una vacca il giorno prima, una cosa che era vietata in tempo di guerra dato che le mucche erano delle importanti fonti di alimenti con il latte che producevano. Io, insieme al mio vicino, decidemmo di nascondere la carcassa del quadrupede dentro ad una vasca che, se prima era destinata alla raccolta dell'acqua, ora era divenuta un nascondiglio per eventuali clandestini. In questa vasca riponemmo la vacca e la ricoprimmo con delle assi di legno per nasconderne il contenuto alla vista. Per fortuna i fascisti, dopo una lunga perquisizione, non trovarono i resti della vacca, salvando la cascina, che sarebbe altrimenti stata data alle fiamme".

Ma la nottata sarebbe stata ancora lunga per cascina Melli perché i fascisti individuarono degli "sbandati", conosciuti dal signor Corbetta. "Quando vennero da me a controllare i documenti, Arturo, Aldo e Alfredo scapparono nei campi. Non trovando nessuno i fascisti se la presero con me dato che loro erano certi che in cascina ci fossero dei disertori e supposero che ne stessi nascondendo qualcuno. Purtroppo Arturo e Alfredo, scappando tra i campi, vennero presi dalle camice nere. Aldo invece era corso in fondo ad un corridoio pericolante interno alla cascina, ma i fascisti se ne accorsero; mio zio, che li stava guidando per la perquisizione, gli mise allerta allarmato dal rischio he potessero cadere di sotto. Per paura di cadere rovinosamente, i fascisti si arrestarono sino a quando non sentirono una voce a loro conosciuta in fondo al buio corridoio: un capitano fascista. Lui disse loro che non avrebbe fatto passare nessuno, ma nella realtà dei fatti, aveva visto e fatto nascondere Aldo salvandolo dalla cattura. Questo favore venne ricambiato da Aldo nei confronti del fascista al momento della liberazione, quando testimoniò a suo favore durante le inquisizioni antifasciste del primo dopoguerra".

Achille Corbetta e Maria Villa

La vita quotidiana presso cascina Melli è invece raccontata dalla signora Maria Villa in Sangalli. "Quando arrivava il tempo, si andava con i cavalli a rigirare e poi zappare la terra per prepararla alla semina del granturco. Da questo ricavavamo la farina gialla per fare la polenta, la farina più fine per fare il pane giallo ed infine la crusca da dare alle galline. Per preparare il pane avevamo un forno in comune a tutte le famiglie dove si preparavano gli "schisiot", ovvero delle pagnotte farcite con quello che si aveva, come cipolle oppure i fichi, che i contadini mangiavano come spuntino durante il lavoro nei campi. Nel forno preparavamo anche delle squisite torte paesane fatte con i pinoli e il cacao. Eravamo in tanti e vi era una grande unione tra tutti e spesso le sere d'estate si suonava la fisarmonica e si passava tanto tempo insieme".

A sinistra Fausto Tilola

Un altro testimone della vita in cascina Melli è Fausto Tilola, originario della Val Camonica, che si trasferì qui con la famiglia durante il boom economico degli anni Sessanta, quando il padre trovò lavoro ad Arcore. "Io arrivo a cascina Melli nel 1964, avevo 10 anni o poco più. Lì era una classica cascina contadina ma che da qualche tempo non era più abitata dai soli contadini, ma per la maggior parte da operai che lavoravano chi alla Vismara, chi alla Vister. Nonostante questo, c'era ancora la separazione tra la parte abitata dagli operai e la parte delle stalle con ancora alcuni animali da cortile come polli, vacche, galline e alcuni conigli. Mi trasferii lì con la mia famiglia nel pieno boom economico, quando le terre della Val Camonica, da dove vengo, vennero abbandonate per raggiungere le città e la stessa Brianza per cercare lavoro nelle fabbriche, come accadde per mio padre che iniziò a lavorare all'Italamiere di Arcore nei primi anni Sessanta. Quando arrivai nella cascina, ricordo che tutti gli adulti lavoravano e partivano insieme alle sei del mattino, in bicicletta o in motorino, verso i loro posti di lavoro. Noi più piccoli, dopo la scuola, trascorrevamo dei memorabili pomeriggi di gioco in cortile, divertendoci giocando a calcio o a campana. Inoltre avevamo un bellissimo laghetto, ora purtroppo sparito, dove vi erano numerosi pesci. Non era raro trovare tanti ragazzini che venivano da Rogoredo per pescare insieme! Spesso mi paragono ad un emigrante di oggi, e mi ritengo fortunato perché ero un forestiero che è stato accolto da tante persone amorevoli che sia in cascina che a Rogoredo ci hanno adottati. Un esempio è il fatto che la famiglia Cogliati, la prima che acquistò un televisore in tutta la cascina Melli, ci ospitava sempre da loro per vedere, ad esempio, la partita".

La testimonianza di Cascina Melli, in sostanza, evidenzia uno spirito di comunità che oggi dovremmo tutti riscoprire, lasciandoci alle spalle gli screzi superficiali che spesso possono scaturire tra vicini, riscoprendo invece la bellezza dello stare tutti insieme.

Contributo fotografico: Gruppo AFCB

Articoli correlati:
04.02.2020 - Casatenovo da scoprire/10: la storia di Villa Facchi grazie ai racconti di chi l'ha vissuta
20.01.2020 - Casatenovo da scoprire/9: testimonianze e curiosità sulla corte di Campofiorenzo
29.12.2019 - Casatenovo da scoprire/8: Villa Mariani da anni è un punto di riferimento per la musica
18.12.2019 - Casatenovo da scoprire/7: storia e curiosità artistiche della chiesa di S.Giorgio Martire
25.11.2019 - Casatenovo da scoprire/6: l'affascinante e longeva storia di Villa Greppi di Bussero
03.11.2019 - Casatenovo da scoprire/5: la famiglia Riva racconta la storia della chiesina di S.Rocco
20.10.2019 - Casatenovo da scoprire/4: Villa Mapelli Mozzi, cornice di eventi privati e nozze civili
06.10.2019 - Casatenovo da scoprire/3: Villa Lattuada, un prezioso gioiello scenario di cerimonie
22.09.2019 - Casatenovo da scoprire/2: ex monastero e chiesa di S.Margherita con i suoi affreschi
01.09.2019 - Casatenovo da scoprire/1: viaggio virtuale tra i gioielli artistici partendo dalla Chiesina di Santa Giustina
Rubrica a cura di Giovanni Pennati e Alessandro Vergani
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco