Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 274.069.505
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 01 marzo 2020 alle 18:48

Coronavirus: 984 positivi in Lombardia, appello agli over 65

Ci si sta avvicinando a quota mille positivi solo il Lombardia: il bilancio ad oggi - fornito come sempre dall'assessore Giulio Gallera - è di 984 contagiati di cui 405 ricoverati in ospedale oltre a 106 assistiti in terapia intensiva.
375 le persone in stato di isolamento domiciliare in quanto asintomatiche pur essendo riconosciute come portatrici della patologia. 24 i decessi. 73, invece, i "dimessi al domicilio", soggetti che hanno superato la polmonite da coronavirus ma non si sono ancora negativizzati e, dunque, dovranno rimanere altri 14 giorni in casa, pur non necessitando più di cure ospedaliere. 9 mila - infine - le persone in sorveglianza a carico delle ATS, in quanto venute in contatto diretto con positivi. "Si tratta di una mole importante di persone che deve essere seguita" ha sottolineato il delegato al Welfare, sottolineando come Regione Lombardia si sia attivata per il reclutamento di personale sanitario aggiuntivo anche con la collaborazione degli operatori privati ai quali è stato anche chiesto di rallentare del 70% l'attività ordinaria per liberare posti in rianimazione nonché accelerando l'assunzione di infermieri neo-laureati, anticipando a marzo le tesi in discussione a aprile.
Accorato l'appello agli over 65 della Regione, affinché limitino la loro vita sociale a scopo precauzionale, essendo la fascia di popolazione potenzialmente più a rischio. Al riguardo Gallera ha anticipato che domani incontrerà i presidenti delle conferenze dei sindaci per mettere a punto un piano di appoggio agli anziani, sulla scia dei piani “caldo” e “freddo” che scattano in estate e in inverno per permettere ai soggetti più deboli di ricevere assistenza a casa, senza dover uscire per la spesa o altre necessità.
Annunciati altresì investimenti per 40 milioni nella sanità per fronteggiare l'emergenza di cui 10 milioni per la sola assunzione di personale aggiuntivo.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco