Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 270.290.667
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 04 marzo 2020 alle 18:32

Greppi: dalla Russia parole di affetto e un grazie verso l'intera scuola e il nostro Paese

Ksenija Kvadrina
Un semplice messaggio di ringraziamento. Che in questi giorni in cui il nostro Paese è al centro delle cronache mondiali per l'emergenza sanitaria in corso, vogliono dire tanto. A pronunciarle è Ksenija Kvadrina, studentessa ventunenne dell'Università Pedagogica di Mosca, che ha trascorso un periodo di tirocinio della durata di un mese all'istituto superiore Greppi di Monticello. Quattro settimane durante le quali la ragazza ha coadiuvato nelle classi le docenti di russo (Maria Grazia Binazzini e Anna Squitieri) e ha seguito le lezioni di altre materie di interesse in lingua italiana.
''Fin dal primo giorno, questa è stata una grande sfida per me, sin dal primo minuto sono dovuta uscire dalla mia "comfort zone", ma sin dal primo secondo mi sono resa conto che stare qui è una gioia immensa. Certo, l'Italia è storia, è cultura, è cucina, è arte, ma la vera ricchezza dell'Italia è la sua gente: le persone che si comportano come se ti conoscessero da tutta la vita, le persone che ti trattano come se fossi uno di loro, le persone che vogliono che tutto vada bene, le persone che ti ascoltano come se ti conoscessero da tutta la vita'' le parole scritte dalla giovane russa. ''Persone che non ti giudicano per i tuoi errori, persone che sono sempre felici di aiutarti, persone che sanno come vivere e godersi la vita, persone che ti regalano emozioni incredibili con un solo sorriso. E se non hai prima vissuto in una famiglia italiana infinitamente accogliente, non hai partecipato alle lezioni di insegnanti italiani, non hai pranzato con una nonna italiana e non hai bevuto vino davanti al fuoco con un nonno italiano allora non puoi dire di essere davvero stato in Italia''.
Un Paese dove chiaramente non tutto è ''rosa e fiori'', ma dove si vive bene. ''L'Italia ha i suoi difetti certo, ma quando ci sono gli italiani, allora ti rendi conto di essere al sicuro. E voglio dire grazie a tutte le persone che ho incontrato durante questo mese, ad ogni studente ed ogni insegnante. Qui in Italia ci sono ancora persone a me care dalle quali voglio tornare, dalle quali voglio sapere che stanno bene, persone che voglio abbracciare e ringraziare all'infinito per tutto quello che ciascuna di loro ha fatto'' si legge sul finale del testo inviato agli amici del Greppi da Ksenija.
''Da parte nostra ricambiamo l'affetto e coltiviamo la speranza di poterla incontrare di nuovo e incrociare ancora il suo sguardo attento e curioso'' la risposta a distanza, dell'istituto monticellese, sempre più orgoglioso di portare avanti questi progetti all'insegna dell'interscambio culturale e umano.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco