Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.058.298
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 09 marzo 2020 alle 10:16

Coronavirus: un appello al buon senso da don Marco Crippa

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio diffuso in queste ore dal parroco di Monticello e Torrevilla, don Marco Crippa, rivolto in particolare ai più giovani, in relazione all'emergenza Coronavirus e alle norme di comportamento da rispettare:

Don Marco Crippa
Non so quale sia la vostra percezione, ma questi, che lo si voglia o no, che lo si capisca o no, sono giorni drammatici.
Negli ospedali della Lombardia i posti letti in terapia intensiva sono tutti pieni.
Quei posti non servono solo per chi si ammala di coronavirus, ma anche ad altre emergenze.
I medici già da qualche giorno si trovano a dover decidere chi continuare a curare e chi no, a chi dare la precedenza e a chi dover staccare il respiratore. Come in guerra!
Continuando la vita di sempre, come se nulla fosse, come se non ci fosse un domani, potrebbe accadere che siate proprio voi a portare il virus nelle vostre case o nelle case dei vostri amici: contagiarlo ai vostri genitori, ai vostri nonni.
SENZA VOLERLO, CERTO. MA NON POTRETE CERTO DIRE: NON LO SAPEVO!
Non lo scrivo per spaventarvi, ma perché è spaventoso camminare ad occhi chiusi per non vedere. Si va sbattere e ci si fa male.
In futuro questi giorni verranno raccontati sui libri di storia e noi potremo dire di esserci stati. Ma esserci stati soltanto non avrà importanza. Conterà ciò che avremo fatto perché tutto finisse bene.
DOBBIAMO RISPETTARE E FAR RISPETTARE le norme di comportamento suggerite dalla scienza. Questo è il miglior modo per proteggere la nostra salute e quella degli altri. Per volerci bene e volersi bene.
Se ti voglio bene ora non ti abbraccio, non ti bacio.
Sì! adesso è questo il modo per dirsi il bene: tener da parte tutti quegli abbracci e quei baci, quel camminare vicini vicini per il giorno in cui tutto sarà finito e sarà meraviglioso abbracciarci, baciarci, camminarci vicini e dirsi: mi è mancato tutto questo.
E torneremo alla vita di sempre!

Don Marco Crippa
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco