Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.063.399
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 13 marzo 2020 alle 19:10

Sull'articolo di critica al regolamento disciplinare

Con riferimento agli articoli apparsi su LeccoOnline e MerateOnline dal titolo "Nelle settimane in cui il personale ospedaliero ignora turni e riposi arriva il codice disciplinare ASST. Che davvero esista il coglionevirus?" del 12 marzo 2020,  l'ASST dichiara:
"Stupisce che proprio in clima di emergenza qualcuno ne approfitti per lanciare attacchi personali e, indirettamente alla Direzione Strategica, nei confronti di chi, oltre al lavoro straordinario che ognuno  per il proprio ruolo si trova a fare per tamponare l'emergenza, cerca di garantire anche il lavoro ordinario perchè "l'Italia non si ferma!".
Nello specifico il regolamento disciplinare emanato non è nient'altro che la formalizzazione di norme legislative e contrattuali già applicate nella pratica, frutto  di un lavoro che è stato svolto, ovviamente, prima dell'esplodere dell'emergenza COVID-19 cui tutti siamo chiamati a rispondere.
Strumentalizzare l'avviso inviato ai dipendenti, dovuto a titolo di informativa , significa non averne capito neppure la ratio che era proprio quella di disincentivare l'invio di segnalazioni disciplinari  infondate, come quella dell'articolo in questione, e ,quindi, a tutela degli stessi dipendenti.
Nonostante tutto andiamo avanti a fare il nostro lavoro con serietà, senso di responsabilità  e, soprattutto, con passione".
Cordialmente

Ufficio Comunicazione
Nessuno mette in discussione la ratio del regolamento né tanto meno dubita che esso sia stato scritto in tempi antecedenti l'emergenza. Ma proprio perchè dal Direttore generale in giù fino a OSS e Ausiliari tutti stanno facendo un lavoro straordinario anche per un risvolto psicologico sarebbe stato preferibile posticipare l'invio del regolamento. E' pur vero che l'Italia non si ferma. Ma in questo momento l'Italia - come nella bellissima immagine di un medico che abbraccia lo Stivale - combatte soprattutto dentro i presidi ospedalieri con tutto il personale schierato anche a rischio della propria salute. Per questo, e solo per questo, abbiamo voluto stigmatizzare l'invio massivo del regolamento.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco