Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.467.486
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 16 marzo 2020 alle 16:39

A Matrix: col senno di poi e già col senno di allora

Paolo Trezzi
Cara Leccoonline, caro Matrix
Un editoriale, un paginone, 4 colonne, un autopromozione contro tutta l'altra informazione gratuita con giudizi sprezzanti, "una cosa gratis non vale niente" per dire in fondo che c'è da fidarsi del (suo) giornale cartaceo.
Denigrare gli altri per autopromuoversi. Non è un bel sentire.
Ha fatto bene Matrix a mettere a posto tutti i puzzle e evidenziare i puntini sulle I, dopo appunto l'editoriale, il paginone, le 4 colonne di Diego Minonzio de La Provincia di Como Lecco e Sondrio.
Certo è un dato importante che la gente nel momento del bisogno, del tempo libero dentro casa fors'anche, del tempo dell'informazione corra in edicola.. Ammesso davvero che lo faccia.
Ma senz'altro corre, da ferma, dentro casa, su tutti i siti, davanti a tutte le trasmissioni, corre dietro a ogni spiraglio di sapere, una bulimia di speranza e ansietà.
C'è da chiedersi, casomai o anche, perché invece nel quotidiano ordinario il giornale di carta non lo compra più e quelli online sono sempre ben letti e visitati.
Ha fatto bene quindi Matrix, senza bisogno di mandargliele a dire, ricordare che il quotidiano diretto da Diego Minonzio solo due settimane fa e per giorni ha aperto a tutta prima pagina con lo strillo e esortazione a #usciamodicasa.
Non proprio un titolo di buon senso.
Soprattutto per un giornale che ha l'editore di Bergamo e Bergamo comunque a una manciata di chilometri dalla sua scrivania, in uno stato già fortemente preoccupante di zone rosse, pericolosità e aumento dei contagi.
Quindi non c'entra nulla "col senno di poi" bastava e avanzava già l'evidente" Senno di allora".
Incentivare a uscire, promuovere comportamenti legali ma evitabili, in quei giorni è stato grave. Errori di cui non si può sorvolare, tanto più quando il responsabile fa lezioni agli altri e pipponi di editoriali dove si erge a parroco e papa.
Bravo quindi a Matrix e a tutti voi di Leccoonline, portale giornalistico gratis ma non scontato.
Paolo Trezzi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco