Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.198.949
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 19 marzo 2020 alle 19:22

Coronavirus: 8 casi a Costa e la bandiera a lutto al cimitero

8 casi di positività da Sars-CoV2 e 35 persone in quarantena a Costa Masnaga. A distanza di cinque giorni da quando il sindaco Sabina Panzeri annunciava alla comunità i primi tre casi confermati, i cittadini positivi sono saliti a 8, mentre ben 35 - un numero che potrebbe non essere tuttavia esaustivo come fa sapere il primo cittadino stesso - sono sottoposte a un periodo di quarantena presso le proprie abitazioni. Il sindaco si è detto disponibile a essere contattato qualora qualcuno sia in quarantena o abbia un parente positivo. "In questo modo sarebbe più facile riuscire ad aiutarvi per qualsiasi cosa abbiate bisogno". Sul sito comunale sono comunque indicati tutti i servizi che sono stati attivati sul territorio. 



La bandiera listata a lutto all'ingresso del cimitero di Costa

"Ribadisco: restate a casa. È fondamentale per fermare il virus" ha proseguito il sindaco, esprimendo poi un pensiero al personale impegnato in prima linea. "Un ringraziamento particolare a tutto il sistema sanitario che sta operando in emergenza, ma con estrema professionalità".
Il primo cittadino, in questi giorni, ha inoltre posizionato la bandiera italiana listata a lutto, all'ingresso del cimitero per ricordare le persone che se ne stanno andando. "Un piccolo gesto che vuole essere il saluto dell'intera comunità di Costa Masnaga a tutti i nostri concittadini che in questo momento, per cause diverse, raggiungono la Casa del Padre. Partecipiamo al dolore di ognuno, continuando a pregare dalle nostre case" è il commento del primo cittadino.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco