Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.475.408
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 20 marzo 2020 alle 09:48

E mi viene da piangere....

Oggi mi sono svegliata triste e mi viene da piangere
Questa notte mi sono svegliata con l'ennesima sirena dell'ambulanza che riecheggiava nell'aria e ho faticato a riprendere sonno
Ma quello che proprio non riesco a cancellare dalla mia mente sono le immagini dei mezzi militari allineati a Bergamo che trasportavano in altre parti d'Italia le bare con le centinaia di defunti da cremare in quanto il crematorio di questa città è al collasso
E mi viene da piangere per questa guerra invisibile che nessuno sa bene come gestire, che ci ha attaccato e si è insinuata fra la gente silenziosamente per poi iniziare a mietere le proprie vittime una dietro l'altra e lasciando tutti impotenti
E mi viene da piangere perché noi eravamo abituati ad andare a trovare le persone in ospedale quando si ammalavano mentre adesso vengono caricate su un'ambulanza e speri solo che non ti arrivi una telefonata che ti dica...mi spiace non ce l'ha fatta
E mi viene da piangere perché noi eravamo abituati a circondare i familiari e gli amici di affetto il giorno in cui moriva una persona cara, eravamo abituati a stare tutti insieme, a condividere il dolore, a sfogarci uno con l'altro e adesso siamo tutti isolati e le bare vengono portate via da sole e non esistono più gli ultimi saluti, le ultime parole
E mi viene da piangere perché penso che dobbiamo stare a casa, ci chiedono di cambiare le nostre abitudini, ci viene chiesto questo grande sacrificio e allora penso che in fondo noi questo cambiamento lo dobbiamo poi fare nella nostra casa, con un letto, con un frigo pieno, con dei libri da leggere, con dei programmi da guardare alla tele, con un computer collegato al mondo e con un cellulare per chattare con gli amici... e allora mi viene in mente quella notizia di qualche settimana fa "primo caso di coronavirus a Lesbo" e penso a quei ventimila migranti che già vivono in condizioni estreme sull'isola greca e non so come faranno, loro che già non avevano niente
E mi viene da piangere...
Diana
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco