Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 223.169.090
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/03/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 65 µg/mc
Valmadrera: 68 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Lunedì 23 marzo 2020 alle 14:33

Monticello: il 25enne Paolo si laurea in medicina nel pieno dell'emergenza Covid

''All'inizio confesso che è stato decisamente surreale, ma non appena ho iniziato a presentare il mio lavoro alla commissione mi sono sentito subito a mio agio, con un carico di ansia minore rispetto a quanto sarebbe accaduto se mi fossi trovato faccia a faccia con i docenti, come avrebbe dovuto essere se non ci fosse stata questa emergenza''. Paolo Garducci, 25enne di Monticello, racconta così la discussione della tesi di laurea in medicina, avvenuta negli scorsi giorni ''a distanza''.
Il neo dottore fa parte infatti dei tantissimi studenti che hanno dovuto affrontare uno dei momenti più importanti della propria carriera scolastica nella stanza di casa, seduti davanti ad un pc, collegati in videoconferenza con la commissione di laurea.
Un momento decisamente surreale, ma comunque appagante per Paolo che al termine del proprio percorso di studi ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia e si appresta ora a scegliere quale indirizzo professionale imboccare nella specialità.

Il neo dottore monticellese Paolo Garducci

''Ho già qualche idea, ma non ho ancora deciso ufficialmente'' ci ha confessato il giovane monticellese, figlio di due medici che si stanno impegnando in prima linea in queste settimane caratterizzate dall'emergenza Covid-19.
Dopo gli studi intrapresi al liceo classico Zucchi di Monza, Paolo Garducci ha deciso di iscriversi alla facoltà di medicina e chirurgia presso l'Università Statale di Milano, dopo aver superato naturalmente il test d'ingresso. Un percorso molto stimolante e soddisfacente per il monticellese, che ha potuto conoscere ''sul campo'' la realtà sanitaria frequentando l'ospedale San Paolo di Milano, una delle sezioni distaccate dell'ateneo milanese.
Per la sua tesi, preparata nei mesi scorsi, ha scelto di approfondire un tema della medicina del lavoro, concentrandosi sulle patologie muscolari-scheletriche.
''La presentazione è andata bene: avevo paura che ci potessero essere dei problemi tecnici durante la diretta in streaming, ma per fortuna è andato tutto per il meglio. Nel momento in cui ho terminato il mio intervento, è stata sospeso il collegamento e successivamente c'è stata la proclamazione di tutti noi studenti della sessione di laurea, compreso il giuramento di Ippocrate, come sarebbe avvenuto in università se non ci fossimo trovati in questo momento particolare'' ci ha raccontato Paolo, definendo medicina ''la più umanistica fra le materie scientifiche'', facoltà scelta anche per la gratificazione umana che la professione sanitaria sa regalare a chi la esercita. E perchè no, anche per la vocazione che accomuna i suoi genitori e che gli è stata inevitabilmente trasmessa.
Non avendo l'abilitazione, il 25enne non può ancora essere reclutato a tutti gli effetti nell'emergenza Covid, ma potrebbe essere questione di mesi. Una volta espletato il tirocinio, a giugno Paolo potrebbe già praticare la professione, mentre in estate dovrebbe sostenere il test per dare il via ad un nuovo capitolo universitario, con l'avvio della specialità che definirà compiutamente il suo percorso all'interno dell'affascinante e complesso mondo della medicina.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco