Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.422.605
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 23 marzo 2020 alle 19:35

Coronavirus: registrati altri due decessi a Cesana Brianza

Si allunga l'elenco delle persone che, a Cesana Brianza, non ce l'hanno fatta a vincere la lotta contro Sars-CoV2. Quest'oggi, infatti, sono venute a mancare altre due persone. La perdita di altri due cittadini fa salire quindi il numero di decessi a 5, tutti a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro.
Il sindaco Eugenio Galli, piuttosto addolorato per la situazione, ha deciso quindi di non comunicare il numero dei residenti risultati positivi al Covid-19, ma di informare soltanto delle perdite: una lista che, purtroppo, comincia ad allungarsi. "Oggi per me è un giorno molto triste. Perciò non comunicherò il numero dei positivi che ogni giorno continua ad aumentare, ma voglio renderVi partecipi del numero dei decessi delle persone residenti a Cesana. Attualmente sono cinque in totale. E non penso che per un paesino come il nostro, questo dato sia poco" comincia così la lettera scritta alla popolazione. "Fra queste persone, conosciute anche a Suello, il Comune a nome della loro comunità si è unita alle nostre condoglianze. A tutte queste vittime, va il mio personale cordoglio e quello di tutti i cesanesi, anche se Vi garantisco che raggiungere le famiglie per porgere le più sentite condoglianze unite al nostro affetto e vicinanza, Vi assicuro è una cosa straziante".
Il primo cittadino fa notare nuovamente la mancanza di responsabilità dei cittadini che, oltre a uscire di casa, compiono atti di vandalismo sul territorio: "Perché invece alcuni non riescono a capire queste cose? Come mai ancora ieri alcune persone hanno voluto fare la passeggiata fuori casa o con la scusa che hanno il cane, loro non sono tenute a rispettare le regole? Eppure le ordinanze o decreti ministeriali, parlano chiaro. Non contenti, hanno pure strappato verso la strada che sale al Roccolo, i vari cartelli dei divieti".
Galli chiede infine ai cittadini di essere rispettosi: "Se sei credente, unisciti a noi chiedendo l'intercessione dei nostri Patroni Santi Fermo e Rustico di fermare questa epidemia, che sta diventando pesante per la nostra vita ordinaria. Se non lo sei, almeno sappi rispettare te stesso e gli altri".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco