Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.461.991
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 01 aprile 2020 alle 08:47

Corbetta: ''Comuni più colpiti riceveranno di meno dal Governo''

“E’ un governo palesemente nemico della Lombardia che usa due pesi e due misure. Il criterio di ripartizione dei fondi destinati dal Governo ai comuni italiani, inversamente proporzionale al Pil prodotto, ha finito inevitabilmente per penalizzare i Comuni più colpiti dall’emergenza Coronavirus. Le comunità che hanno dovuto pagare il prezzo più alto, in termini di persone che hanno perso la vita e di pazienti contagiati o ricoverati, sono quelle che hanno ricevuto meno soldi”. Così Alessandro Corbetta, consigliere regionale della Lega, commenta il provvedimento del Governo Conte che stanzia 400 milioni ai Comuni italiani.
“Una vergogna – prosegue il consigliere regionale -  che si aggiunge alle tante incertezze ed errori compiuti dal Governo Conte nella gestione dell’emergenza per cui prima o poi faremo i conti”.
“La disparità è evidente e appare chiara quando si confrontano Comuni che hanno circa lo stesso numero di abitanti. Quattro esempi: Alzano Lombardo (BG -uno dei più tristemente colpiti dal virus) che ha 13655 abitanti riceve 72.392 euro; Bellizzi (SA – 13546 abitanti) riceve 12.5446 euro. Besana Brianza (MB 15532 abitanti) riceve 82.343 euro; Taurianova (RC – 15458 abitanti) ne riceve 144.061. Monza (123397 abitanti) riceve 65.1582 euro mentre Giugliano (NA – 123490 abitanti) ne ottiene 1.204.772; Milano con un 1.38 mln di abitanti riceve meno di Napoli che di abitanti ne ha 959 mila: 7,2 milioni di euro del capoluogo lombardo contro i 7,6 della città partenopea”.
“Possibile che dobbiamo essere sempre quelli meno aiutati dallo Stato, anche in un emergenza così luttuosa per la nostra Lombardia?” si domanda Corbetta, che prosegue: “Certo nei nostri Comuni il reddito pro-capite, data anche la minore percentuale di evasione fiscale rispetto al sud, risulta più alto ma è altrettanto alto il costo della vita e molti sono i nostri cittadini in forte difficoltà che necessitano un aiuto e molti di più lo saranno se l’emergenza non dovesse rientrare a breve”.
“Questi dati – conclude Corbetta - sono la plastica dimostrazione che ancora una volta la Lombardia si deve rimboccare le maniche e fare da sola, anche per quanto riguarda gli aiuti dei Comuni alle tante persone in difficoltà.”.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco