Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 270.250.510
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 08 aprile 2020 alle 08:55

Dolzago: i giovani telefonano agli anziani. E' il progetto Ubuntu

Si intitola ''Ubuntu'' il telefono sociale che permetterà ai giovani di dare un contributo attivo nella gestione dell'emergenza e agli anziani di ricevere un sostegno a distanza restando a casa.
Il progetto dolzaghese, promosso nei giorni scorsi, consentirà alla popolazione ''over'' di poter contare su una chiacchiera, uno scambio di battute ed un ascolto attivo da parte di alcuni giovani cittadini, favorendo così una condivisione della quotidianità tra generazioni in questo periodo difficile.

L'assessore Ester Camigliano

"UBUNTU" è una parola che arriva da terre lontane, ma il suo significato è perfettamente adatto alla situazione che tutti noi stiamo affrontando: io sono quello che sono in virtù di ciò che tutti siamo. In quanto esseri umani siamo infatti tutti collegati in modi invisibili ed il nostro benessere dipende dal benessere dell'altro" ha detto l'assessore ai servizi sociali Ester Camigliano sottolineando come proprio in questo bisogno estremo di umanità sia nata l'dea di questo progetto.
"Questo speciale telefono sociale permetterà agli anziani di ricevere un sostegno a distanza, per fronteggiare la solitudine che si fa sentire, nel pieno rispetto delle normative che chiedono a gran voce di restare in casa. Concretamente si tratta di fare dei match tra i volontari che si offrono e gli anziani che richiedono di partecipare all'iniziativa. Proprio ieri abbiamo attivato il primo match e ci stanno giungendo ulteriori richieste. Mai come ora non deve venire meno il senso di comunità: la comunicazione rappresenta la base, le fondamenta per ricostruire la nostra quotidianità, seppur all'interno di quattro mura. E' quindi essenziale essere comunità, collaborare, fare rete. Quest'iniziativa rientra in una cornice di buone prassi che i territori del polo, in questo caso il polo brianza est, di cui il comune di Dolzago fa parte, stanno portando avanti per fronteggiare questo momento, tanto difficile quanto prezioso per riscoprire il senso di appartenenza alla comunità" ha concluso.
Sa.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco