Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 270.324.824
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 09 aprile 2020 alle 16:15

Casatenovo: piattaforma ecologica chiusa. Le conseguenze e una proposta per ridurre i disagi

Buongiorno,
abito a Campofiorenzo e l'effetto della chiusura della piattaforma ecologica lo registro da alcuni giorni: un via vai di cittadini "casatesi" che si permettono di scaricare erba e legna dei loro preziosi giardini in un campo qui vicino. Fino a che si tratta di questo tipo di materiale è possibile chiudere un occhio (bisogna vedere se lo chiude anche il proprietario del campo), ma a lungo andare, non vorrei che si passasse ad abbandonare altri tipi di detriti (materassi, cocci, etc...). Tutto sta all'educazione del cittadino "casatese" che, e questa è l'ennesima dimostrazione, si limita a rimanere all'interno delle propre mura di casa.

E se si pensasse di effettuare eccezionalmente per questo periodo un ritiro porta a porta come avviene già per gli altri rifiuti? Magari ogni due settimane, così il cittandino "casatese" sarebbe più invogliato a non deturpare le proprietà altrui.

Grazie,

Lorenzo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco