Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.587.970
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 15 aprile 2020 alle 09:03

Cassago: sulla gestione dell'emergenza Covid scontro fra maggioranza e opposizioni

Clima teso fra maggioranza e gruppi di opposizione a Cassago, con botta e risposta durante l'ultima seduta di consiglio comunale svoltasi sul finire della scorsa settimana in video conferenza da remoto, in considerazione dell'emergenza Covid-19. Un assise presieduto dal sindaco Roberta Marabese (la cui registrazione è stata pubblicata martedì mattina sul sito dell'ente) che prima di dare il via alla discussione dei vari punti iscritti all'ordine del giorno (molti dei quali di natura economico-finanziaria), ha chiesto di rispettare un minuto di silenzio per rendere omaggio ai cittadini cassaghesi venuti a mancare in questo drammatico momento, ''a dimostrazione della vicinanza di tutti i consiglieri sia di maggioranza che di minoranza alle famiglie che hanno perso i loro cari e a tutta la cittadinanza''.
Ed è stato proprio il Coronavirus l'argomento al centro del dibattito fra i tre gruppi: Cassago Ideale - la maggioranza - da una parte, e le minoranze Insieme Cassago e Progetto Cassago Democratica dall'altra che avevano presentato alcune interpellanze congiunte con proposte e critiche in merito alla gestione dell'emergenza da parte dell'amministrazione Marabese, lamentando in generale scarso coinvolgimento e comunicazione in merito alla situazione sanitaria e ai provvedimenti assunti.

Un'immagine del consiglio svoltosi da remoto. Da sinistra in senso orario Sergio Pini (Progetto Cassago Democratica),
il sindaco Roberta Marabese (Cassago Ideale), Rosaura Fumagalli e Antonio Carrino (Insieme Cassago)

A fornire le risposte sono stati l'assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici Emilio Panzeri - dando atto dell'istituzione del COC, dell'attività dello stesso e dei servizi offerti alla cittadinanza con particolare riferimento a quelli offerti a favore delle persone fragili o in quarantena - e la prima cittadina Marabese. Richiamandosi al comma 2 dell'articolo 43 del TUEL (testo unico degli enti locali) l'amministratrice ha evidenziato come esso ''contempli il diritto dei consiglieri di ricevere informazione degli uffici comunali. Poiché non mi risulta che la minoranza abbia mai esercitato un legittimo accesso agli atti non comprendo le ragioni delle affermazioni denigratorie e delle accuse rivolte alla mia persona proferite nell'interpellanza''.
''Ho invitato pertanto la minoranza a denunciare in separata sede eventuali comportamenti degli uffici non conformi a norma di legge per ogni più opportuno provvedimento del caso e a desistere dal tenere comportamenti finalizzati unicamente a screditare la figura del sindaco'' ha detto la prima cittadina successivamente al consiglio, ritenendo di aver adempiuto correttamente a quanto di spettanza in merito all'informativa alla cittadinanza facendo presente che ''per ogni comunicazione ho ritenuto corretto attendere che i dati ufficiali fossero allineati a quelli di cui ero a conoscenza per essere stata interpellata direttamente dagli interessati''.
Per quanto riguarda la proposta avanzata dalle minoranze di costituire un fondo di emergenza Covid-19 per situazioni di difficoltà economica (cittadini, lavoratori autonomi, attività artigianali e commerciali e PMI) e di predisporre attività urgenti a favore della popolazione come distribuzione e utilizzo di mascherine e cura e decoro del cimitero municipale, l'amministrazione ha risposto riservandosi - in merito alla prima interpellanza - ogni più opportuna valutazione circa la necessità di operare in questo senso. Per quanto concerne la seconda interpellanza, il sindaco ha dato comunicazione rispetto alla prevista distribuzione di due mascherine a famiglia, illustrando le ragioni, anche di ordine sanitario, per le quali non si è ritenuto di procedere alla rimozione delle sfioriture nel cimitero, come hanno effettuato invece altri comuni.
Dura la critica mossa nel corso dell'assise dai due gruppi consiliari di minoranza nei confronti dell'amministrazione Marabese. ''Ciò che riteniamo gravissimo è che fino ad oggi non abbiamo mai ricevuto né dal sindaco, né dagli assessori, né dai consiglieri di maggioranza una telefonata, una comunicazione, o altro che ci informasse sull'evolversi della pandemia'' hanno riferito Sergio Pini, Maurizio Corbetta, Rosaura Fumagalli e Antonio Carrino in una dichiarazione di voto congiunta (clicca QUI per visualizzarla), nella quale hanno precisato di aver votato a favore del bilancio per una questione di responsabilità. ''Nonostante la gravissima situazione sanitaria ed economica di molti cassaghesi non siamo mai stati né informati né coinvolti nell'emergenza. Gli esperti medico-scientifici ci dicono che questa pandemia durerà ancora molto tempo; per questa ragione invitiamo l'Amministrazione ad operare con maggior trasparenza e ad essere collaborativa con le minoranze consiliari nell'interesse di tutti i cassaghesi che hanno il diritto di essere informati, di avere il miglior supporto psicologico e i migliori servizi e azioni concrete che insieme è possibile mettere in campo''.
Nel chiedere al segretario comunale dott.ssa Maria Antonietta Manfreda che si attivi affinché sia fatto rispettare l'articolo 21 dello statuto comunale per consentire che i consiglieri siano sempre informati e aggiornati, le minoranze hanno esortato il sindaco a ''istituire il fondo emergenza economica CoViD-19'' e a ''prevedere misure di agevolazione fiscale che aiutino a ridurre le tasse comunali e la pressione fiscale a cittadini, lavoratori autonomi, attività artigianali e commerciali, piccole e medie imprese. Questi due punti, a nostro avviso, sono imprescindibili per il futuro della nostra comunità. Da parte nostra garantiamo la massima disponibilità e aiuto''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco