Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 309.967.354
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 19 aprile 2020 alle 12:04

Barzanò: nuovo logo per i ravioli viganesi di S.Apollonia. E' il progetto della 2°media

Una delle ultime uscite didattiche che hanno effettuato i ragazzi di seconda media dell’Istituto comprensivo di Barzanò, si è rivelata un’esperienza alternativa e originale. Gli alunni, accompagnati dalla professoressa Patrizia Giovenzana, hanno fatto visita alla Tipografia Moscatelli di Carate Brianza per apprendere più da vicino e in modo pratico, le diverse tecniche di lavoro e per conoscere gli strumenti utilizzati. Gli alunni hanno infatti scoperto il metodo della stampa antica e il processo odierno per poter realizzare prodotti particolari, come le partecipazioni di nozze o il libretto per seguire la messa in chiesa, e hanno visto in azione le macchine e il lavoro del tipografo alle prese con le lastre da tipografia. Infine gli studenti barzanesi hanno avuto le possibilità di partecipare a tre laboratori diversi per mettere in campo le conoscenze apprese.


Un momento della videoconferenza con il sindaco viganese Fabio Bertarini

Prima dell'emergenza Covid, le classi seconde avevano già iniziato a studiare i concetti, le tecniche e le fondamenta del mondo della grafica e l'uscita si è rivelata quindi un’occasione preziosa poter sviluppare maggiore dimestichezza con gli strumenti del mestiere. Una volta tornati in classe, i ragazzi si sono cimentati in due altri progetti, entrambi ripensati in modalità ''virtuale'' a causa della chiusura delle scuole: il primo li ha visti coinvolti nella creazione di un logo con le iniziali del proprio nome, ricorrendo all’uso della geometria rinascimentale applicata all’alfabeto dal matematico Luca Pacioli e alle regole di grafica viste durante le lezioni in classe. Il secondo invece è stato improvvisato per continuare a far esercitare i ragazzi sull’argomento anche a distanza. Il nuovo incarico è stato quello di chiedere agli alunni, presentandola come se fosse stata una richiesta del sindaco in persona, di pensare a un logo e a un marchio originale e riconoscibile per i gustosi ravioli di Sant’Apollonia di Viganò, un prodotto ancora di nicchia che non è ancora identificabile in un unico segno riconoscitivo.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Sentendosi affidati un progetto di cui nessuno prima era ancora stato incaricato, i ragazzi hanno accolto con entusiasmo la richiesta e si sono subito messi al lavoro documentandosi in primis sull’origine e la storia di questa tradizione culinaria. L’indicazione principale data dalla professoressa Giovenzana è stata quella di provare ad immedesimarsi in un fittizio ma potenziale proprietario di un pastificio o di una piccola pasticceria con il compito di vendere tali prodotti e farli conoscere anche ai clienti che non sono del territorio e non conoscono nulla al riguardo.


Gli amatissimi ravioli preparati per la festa di Sant'Apollonia

Ogni ragazzo ha poi pensato a un proprio logo ricorrendo rigorosamente alle regole della grafica nelle dimensioni, nel colore, nell’applicabilità a diversi tipi di confezione per i ravioli, nell’impaginazione di una possibile locandina esplicativa del prodotto e anche sulla fattura commerciale. I ragazzi hanno anche dovuto pensare a come venderli, in che tipo di confezione, quanti ravioli selezionare per ogni packaging, come trasportarli e in tutto questo come adattare ogni volta il marchio appena creato rispettando tutte le regole tecniche necessarie, anche quelle relative al confezionamento degli alimenti e alla tabella dei principi nutritivi. Il risultato del progetto è stato sicuramente brillante grazie alle idee e ai contributi che ciascuno ha concretizzato nel proprio progetto e le insegnanti hanno pensato di concludere il lavoro coinvolgendo lo stesso sindaco di Viganò, Fabio Bertarini.


Alcuni dei loghi preparati dai ragazzi della scuola media di Barzanò

Nei giorni scorsi infatti, alla presenza della dirigente, la prof.ssa Viviana Patricelli, il primo cittadino collegato in videoconferenza ha potuto visionare alcune delle idee dei ragazzi per valorizzare i famosi ravioli di Sant’Apollonia e renderli un prodotto riconoscibile nella sua specificità. Dall’incontro in video con il sindaco è stato possibile avere anche alcune conferme sull’origine della festa e qualche divertente racconto sulle usanze del paese legate a questa ricorrenza, che concentra in una settimana tanta energia creativa, tra tradizione e innovazione. Infine, la dirigente Patricelli ha tenuto a sottolineare il valore educativo del progetto, ringraziando tutte le realtà e le persone, in primis i professori, che vi hanno collaborato e che continuano a farlo. “La sinergia con tutte le amministrazioni locali con cui collaboro, i Comuni di Barzanò, Sirtori, Barzago e Viganò, è fondamentale per far consolidare nei nostri giovani alunni la consapevolezza e la ricchezza del territorio in cui vivono. In questo momento di grave emergenza, l’azione didattica a distanza assume un valore che va ben oltre la trasmissione di nozioni attraverso gli strumenti informatici. In gioco c’è la necessità di mantenere un contatto, una vicinanza che è prima di tutto attenzione pedagogica ed empatica verso i nostri studenti. In questa situazione è più che mai necessaria una forte alleanza educativa tra famiglie, scuola e Comuni, che sostengano e supportino gli allievi, spronandoli a lavorare e a trovare la giusta motivazione anche in questo difficile frangente''.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco