Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 230.712.334
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 30/06/2020

Lecco: V.Sora: 118 g/mc
Merate: 149 µg/mc
Valmadrera: 152 µg/mc
Colico: 125 µg/mc
Moggio: 150 µg/mc
Scritto Venerdì 24 aprile 2020 alle 15:38

Sul Covid e i test sierologici

Buongiorno,
vorrei denunciare un fatto increscioso. Avendo avuto un sospetto Covid in famiglia, abbiamo chiesto dopo la quarantena di poter fare un prelievo sierologico per capire se si trattasse del virus, oppure se la malattia fosse ancora in corso. Anche per tutelarci noi in famiglia, visti i molti casi di positività durati anche oltre i 40 giorni, così da mettere eventualmente a rischio altre persone.
Come sapete dopo la quarantena per ATS si è guariti, quindi si potrebbe rientrare al lavoro senza problemi. Allora abbiamo pensato noi di tutelarci e tutelare gli altri chiamando una clinica che effettua questi esami.
Purtroppo Regione ha fermato la possibilità di procedere e quindi ora si deve aspettare l'ok per ricominciare a fare gli esami anche a domicilio.
È una vergogna: dopo 2 mesi la Regione decide che dal 29 saranno loro ad effettuare questi esami, quando sarebbe stato così semplice cominciare subito e ora non vogliono che le cliniche private facciano quello che loro fino ad oggi non hanno mai fatto.
Ma per politici e governatori il tampone si trova subito.
È una vergogna: lo Stato incapace di gestire le situazioni di emergenza.
Roberto
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco