Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 243.216.075
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 26 aprile 2020 alle 15:35

Emergenza Covid e Fase Due, parla il dr.Zangrillo: ''siamo stati colpiti duramente e abbiamo reagito, ma ora la ripartenza va
gestita con responsabilità''

Il professor Alberto Zangrillo
Chi è il professor Alberto Zangrillo? Alla popolarità dovuta al fatto di essere il medico personale dell'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, fa da contraltare un curriculum medico e scientifico di grande spessore, a livello nazionale e internazionale. Dal 2003 è Primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Cardio-Toraco-Vascolare, IRCCS Ospedale del San Raffaele e dal 2008 è Primario dell'Unità Operativa di Terapia Intensiva e Rianimazione Generale, IRCCS Ospedale San Raffaele e dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione San Raffaele Turro.
Chi volesse conoscere i dettagli della carriera del medico, che vive con moglie e tre figli a Maresso di Missaglia, non deve altro che cliccare QUI.
Abbiamo intervistato il professor Zangrillo nel tentativo di disegnare i contorni dell'emergenza Covid-19, ma soprattutto per cercare di capire attraverso le sue competenze cosa dobbiamo aspettare per il futuro. In queste settimane è stato in prima linea nel "suo" ospedale, il San Raffaele di Milano, a combattere la battaglia contro il Coronavirus. Ma non solo.
Il professor Alberto Zangrillo ha coordinato l'ampliamento del reparto di Terapia intensiva, realizzato grazie alla campagna di raccolta fondi promossa da Chiara Ferragni e Fedez.
Un'iniziativa quella promossa dalla coppia di influencer che ha permesso di raccogliere in pochi giorni quasi quattro milioni di euro. Nei giorni scorsi è stato inoltre chiamato a far parte del Comitato tecnico scientifico nominato dalla Regione Lombardia che dovrà mettere a punto la strategia per affrontare la Fase Due.
Chiaro e diretto come suo solito, il professor Zangrillo ha illustrato l'attuale situazione senza tanti giri di parole.
"L'importante è che chi parla lo faccia perché conosce ed è informato delle cose, ma non perché legge o le ha sentite gli altri, ma per quello che vede. Io cosa vedo? Vedo arrivare in Pronto soccorso pazienti in misura molto inferiore, ma soprattutto quelli che arrivano hanno una situazione critica molto meno impegnativa. Questo ci fa ben sperare per due aspetti fondamentali: il primo che c'è, come tutti sanno, un rallentamento del numero dei contagi e delle forme gravi; il secondo, che forse questo virus nel passaggio da uomo a uomo, come spesso accade, possa essersi attenuato".

Quindi è un quadro incoraggiante quello che si registra oggi, rispetto alle scorse settimane, quando c'era una corsa disperata al posto letto in Terapia Intensiva, per poter salvare una vita umana. Ma nonostante ciò, guai ad abbassare la guardia.

"Questo non significa, come ci dicono i virologi, che se dovesse tornare non si manifesti con la cattiveria che ci ha dimostrato nel mese di marzo...".


Nei giorni scorsi lei è stato chiamato a far parte del Comitato tecnico scientifico della Lombardia, composto da esperti di vari settori, che avrà il compito di predisporre un piano per la Fase Due.

"Se posso do il mio contributo ma cerco sempre di essere molto pragmatico e pratico. Il mio contributo è quello di dare parole di buon senso... Per quanto riguarda gli ospedali noi dobbiamo fare in modo di separare i pazienti che possono contagiare da quelli che non sono contagiati, ma hanno bisogno della prestazione ospedaliera. In poche parole dobbiamo riuscire a definire in contesti separati e sicuri i pazienti che hanno altre patologie e occuparci di loro, perché sono più di due mesi che non ci prendiamo cura delle loro patologie come dovremmo. E penso a tutti i pazienti che hanno delle gravi necessità di ordine medico, che tutti possiamo immaginare. Per quanto riguarda il mio ospedale, il San Raffaele, che è una struttura privata, me lo lasci dire con orgoglio, ha dato un contributo che verrà letto nei numeri tra qualche tempo, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo... ".



Tornado alla Fase Due, cosa dobbiamo fare ora e soprattutto cosa ci dobbiamo aspettare dal mondo della politica e quindi da chi ci governa?

"E' molto importante come riusciremo a interpretare la fase di ripartenza. Perché in fondo noi dobbiamo cercare di non tradire la fiducia e le aspettative di una società che ha risposto con equilibrio, con responsabilità. Allora io mi chiedo c'è la stessa avvedutezza, la stessa visione e lo stesso senso di responsabilità c'è anche da parte di chi deve decidere. Mi riferisco a chi deve dare le indicazioni, alla politica. Io mi limito a dare un suggerimento: la politica deve prendersi le proprie responsabilità. Se a un certo punto la politica ha deciso, con il supporto dei vari Comitati, Commissioni o Istituti che raggruppano al loro interno gli esperti, mi riferisco all'Istituto superiore della Sanità, alla Commissione nazionale di Sanità, deve prestare grande attenzione alla ripresa. Stanno dando regole molto rigide, regole precise sul distanziamento sociale, sui dispositivi da indossare... Disposizioni che poi vedremo come verranno attuate. Perché un conto è dirle le cose, un altro attuarle. Si immagini la Milano-Venezia se domani mattina dovessimo riaprire e garantire il distanziamento all'interno delle automobili, con un unico occupante. Già la Milano Bergamo era bloccata prima, figuriamoci cosa succederebbe ora... Lo stesso discorso vale per i treni e i mezzi pubblici. E allora che cos'è che dico io? Dobbiamo essere pronti ad interpretare con la stessa elasticità, lo stesso tempismo e la stessa intelligenza quelle situazioni che potrebbero manifestarsi in modo favorevole e che potrebbero dirci che sì, in fondo dobbiamo stare attenti, dobbiamo restare distanziati, dobbiamo portare le mascherine, dobbiamo fare i tamponi ed essere rigorosi nell'andare a identificare le persone sintomatiche e verificare che non siano positive, ma dobbiamo anche cercare di garantire la vita. Perché altrimenti se dovessimo rimanere ingessati a un modello, che attualmente si impone ma magari tra qualche tempo verrà dimostrato che si sarebbero potute allargare le maglie, ci renderemmo oltremodo ridicoli. Un Paese grande è quel paese dove chi governa si prende la responsabilità di dare indicazioni corrette e in linea con quello che sta accadendo. Resta ovviamente prioritaria la profilassi per individuare i primi campanelli d'allarme. In questo noi non siamo stati particolarmente abili, va anche detto che siamo stati particolarmente sfortunati perché siamo stati il primo Paese occidentale colpito duramente. Però abbiamo reagito talmente bene da diventare un modello, anche se tutti abbiamo inevitabilmente commesso degli errori. Ma poi alla fine se andiamo a comparare la situazione con altri paesi, possiamo ridimensionare quella tendenza tipicamente italiana di pensare che siamo sempre secondi a qualcuno. Abbiamo speso più tempo a dire che i tedeschi sono stati più bravi di noi, invece che sottolineare che spagnoli, americani, e forse anche inglesi e francesi hanno fatto peggio di noi".


Il professor Zangrillo ci ha anche confermato quanto anticipato poche ore prima dall'Organizzazione mondiale della sanità per quanto riguarda la "Patente di immunità".

"Noi possiamo con la sierologia indentificare la presenza di un patrimonio anticorpale che può dire se siamo venuti a contatto con il virus e abbiamo sviluppato l'immunità, ma non sappiamo due cose fondamentali: la prima se l'immunità è protettiva e se ci protegge veramente, la seconda quanto dura. Allo stato attuale la cosa più utile restano i tamponi.
I tamponi non ci sono per tutti, quindi non dobbiamo illuderci, attualmente l'accesso è per le categorie produttive essenziali, quelle socialmente essenziali e poi i presunti malati, i soggetti sintomatici".

Nella sua lunga intervista il professor Zangrillo ha parlato anche di quanto è successo nelle case di riposo e nelle residenze per anziani. Ma lancia anche un messaggio ai giovani invitandoli a dare il loro contributo per migliorare questa società malata, ma non nasconde la preoccupazione per gli aspetti socioeconomici che ci attendono.

"Mi sentirei di dire loro quello che diceva Steve Job, siate curiosi, desiderosi di fare qualcosa di positivo. L'errore imperdonabile che non devono compiere i giovani è quello di sedersi e aspettare che qualcuno faccia qualcosa per conto loro. Devono mettersi in gioco personalmente, devono essere protagonisti del loro futuro. Noi adulti di una certa età non stiamo dando un bell'esempio, non stiamo facendo una bella figura, forse dovremmo anche chiedere loro scusa e chiedere il loro un aiuto per migliorare questa società".

Anche se un po' controvoglia, il professor Zangrillo parla del suo paziente eccellente, il presidente Silvio Berlusconi...

"Da remoto sta dimostrando molta saggezza non entrando nel vivo di una polemica che oramai contrappone anche coloro che appartengono agli stessi gruppi politici".

Il professor Zangrillo ha mandato anche un messaggio a tutti i suoi concittadini...

ASCOLTA L'INTERVISTA INTEGRALE


Angelo Baiguini
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco