Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.234.740
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 13 maggio 2020 alle 16:59

Castello, Covid: nessun nuovo contagio da 2 settimane. 209 buoni per le famiglie in difficoltà

Il sindaco Aldo Riva
Da oltre due settimane non si registrano casi nuovi di positività al Coronavirus a Castello Brianza. Gli abitanti che hanno contratto la malattia, dall'inizio della pandemia, restano otto. Si tratta del dato ufficiale aggregato che tiene conto di tutti i casi verificatisi. Inclusi quelli riguardanti persone che ormai hanno raggiunto una completa guarigione e che, in alcune circostanze, «sono tornate al lavoro» come ha spiegato il sindaco Aldo Riva. A fronte di questo dato stabile, negli ultimi sette giorni è aumentato il numero dei cittadini posti in "sorveglianza attiva", passato da quattro a sei. Si tratta di abitanti che sono entrati in contatto con persone affette dal virus. Dall'inizio della pandemia non sono stati registrati decessi. Di fronte a una situazione che descriver un quadro in linea di massima positivo il sindaco di Castello Brianza - nel messaggio settimanale che rivolge ai suoi concittadini - ha invitato «al massimo senso dell'attenzione», in particolare nell'uso della mascherina che deve essere «ben indossata» e «non portarla al collo o al braccio».
Il giudizio del primo cittadino riguardo la prima settimana di "riapertura" è comunque positivo: «Tutto è andato abbastanza bene. Ringrazio - ha spiegato - le tantissime persone che sono state rispettose delle indicazioni, attente e prudenti. Purtroppo, si è visto anche qualche caso isolato senza mascherina».
Qualche problematica minore si è verificata preso il cimitero di Castello Brianza, la cui riapertura «ha funzionato bene», ma ha visto il crearsi di alcuni piccoli assembramenti. A tal riguardo il sindaco ha dichiarato: «Quando si entra, esce o si è dentro non bisogna fermarsi a creare assembramenti e chiacchierare. Voglio solo ricordare, per motivi di privacy e trasparenza, che l'ingresso è videosorvegliato».
La scorsa settimana è stata riaperta anche la "casetta dell'acqua" che «è stata sanificata» ed è utilizzabile solo «con guanti e mascherine», mentre i parchi gioco per i bambini restano chiusi a titolo precauzionale. «Non si riesce - ha spiegato Riva - a garantire la sanificazione tutti giorni dei giochi e le distanze dei bambini».
Per quanto riguarda le iniziative sociali sono stati 209 i buoni spesa, dell'importo da 25 euro, assegnati a diverse famiglie brianzollesi. Sessantacinque le persone che complessivamente ne hanno beneficiato. Diversamente da quanto successo in altri comuni, le risorse riservate a questo strumento di supporto socioeconomico, non sono ancora terminate. «Invito - ha spiegato il sindaco Aldo Riva nel video messaggio che ha rivolto ai cittadini - gli aventi diritto ad inoltrare domanda, ci sono ancora fondi disponibili, chi si sente in difficoltà non deve avere timore di chiedere». Trenta sono invece le confezioni di "spesa solidale" consegnate ad alcune famiglie individuate dai servizi sociali. Anche per questo strumento di supporto, grazie alle diverse donazioni effettuate dai cittadini, esiste una quantità di beni e generi alimentari che possono ancora essere distribuiti. Ne beneficeranno le famiglie che ne faranno richiesta dimostrando di averne la necessità.
Durante la prima fase sono state distribuite dal comune 2850 mascherine. Proprio in questi giorni è in via di definizione una seconda distribuzione. Come nella precedente, i primi a vedersi recapitare nuove mascherine aggiuntive saranno gli over 65. Per i bambini dai 6 ai 13 anni - di fatto gli alunni della primaria e secondaria di primo grado - l'amministrazione comunale sta concludendo l'acquisto di mascherine lavabili e riutilizzabili.
Sul versante delle agevolazioni in tema di tributi e fisco locale, la giunta guidata dal sindaco Riva sta valutando il rinvio delle scadenze dei tributi come la Tari. Una scelta che riguarderà tutti i cittadini e che è deriva dalla volontà di «agevolare le famiglie che hanno avuto una difficoltà economica come la cassa integrazione, o anche gli autonomi» come ha spiegato il primo cittadino. Le date delle nuove scadenze dei tributi verranno formalizzate nella seduta consiliare in programma per il mese di giugno.
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco