Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 243.218.167
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 19 maggio 2020 alle 15:02

Casatenovo: Villa (Coldiretti) è fiducioso sulla raccolta di miele

Sembra scongiurato il ripetersi di un altro "anno nero" per il miele delle province di Como e Lecco, "ma non c'è affatto da festeggiare: le prime stime, infatti, indicano comunque una flessione per la raccolta dell'acacia rispetto alla media, anche se è ancora presto per tracciare ogni bilancio. Stiamo smielando i primi alveari e, quindi, si tratta ancora di dati tendenziali, che comunque indicano una forbice ricompresa tra 10 e 15 kg per unità, riguardo alla varietà acacia. In passato si era fatto di più. Ed è andata ancor peggio per il millefiori primaverile, con i numeri ridotti della metà rispetto a un'annata normale". E' Fabio Villa, apicoltore di Casatenovo, a tracciare le prime prospettive sulla stagione 2020 in occasione della Giornata delle Api che si festeggia domani (20 maggio) a livello planetario, dopo essere stata istituita dall'Onu nel 2018.

Fabio Villa

Ciò che emerge, per la provincia prealpina, è un quadro a macchia di leopardo e condizionata ancora una volta dal clima: le gelate tardive, laddove intervenute, hanno avuto ripercussioni negative, e così pure le piogge e i temporali della scorsa settimana hanno anticipato la fine delle fioriture. Va da sé che nei territori dove lo sviluppo vegetativo tende a essere più progressivo (come ad esempio le zone collinari che digradano verso i laghi) la situazione è sensibilmente migliore.
"Un altro anno con il segno meno è, purtroppo, un ulteriore colpo al cuore per un settore che ha pagato duramente l'esito disastroso della stagione 2019, che vide proprio la produzione d'acacia azzerate o ridotte del 90%: dove quest'anno si fanno 10/12 kg di raccolta, lo scorso anno non si superavano i due, e questo solo nei pochi casi più "fortunati" rispetto a un quadro nerissimo. Certo, siamo di fronte a tutt'altro scenario rispetto al 2019 ma non si tratta della svolta attesa, utile a compensare le gravissime perdite subite".
Va ancora peggio in altre zone d'Italia, la produzione rischia di crollare fino all'80% rispetto alla media. Si tratta delle aree dove la siccità ha colpito più duramente, riducendo le fioriture e stressato le api.
"Ciò influisce anche su chi fa nomadismo" commenta Enrico Ranghetti, apicoltore di Beregazzo con Figliaro, nel Comasco. "Molto dipende dalle zone dove si sono portate le api. Per quanto mi riguarda, la prima settimana di raccolta dell'acacia era andata molto bene, con 15 kg/alveare che facevano presagire risultati ancora migliori. Poi sono intervenute le piogge che hanno rovinato tutto, e i temporali degli ultimi due giorni nella zona di pianura vicina al confine svizzero hanno segnato la fine della raccolta. Sì, alla fine ci ritroveremo con almeno il 20% in meno di un'annata normale, e la situazione potrebbe anche essere peggiore a livello locale".
Le difficoltà delle api - sottolinea la Coldiretti - sono un pericolo grave per la biodiversità considerato che sono un indicatore dello stato di salute dell'ambiente e servono al lavoro degli agricoltori con l'impollinazione dei fiori. In media una singola ape visita in genere circa 7000 fiori al giorno e ci vogliono quattro milioni di visite floreali per produrre un chilogrammo di miele. 3 colture alimentari su 4 dipendono in una certa misura per resa e qualità dall'impollinazione dalle api, tra queste ci sono le mele, le pere, le fragole, le ciliegie, i cocomeri ed i meloni secondo la Fao.
Ora è allerta per quanto riguarda il pericolo di "invasione" di miele straniero: l'anno scorso ne furono importati quasi 25 milioni di chili, con il 40% di provenienza ungherese e oltre il 10% dalla Cina. In altre parole quasi 2 barattoli di miele su tre sono stranieri: "Per evitare di portare in tavola prodotti provenienti dall'estero, spesso di bassa qualità, occorre verificare con attenzione l'origine in etichetta oppure di rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende agricole, negli agriturismi o nei mercati di Campagna Amica" consiglia Coldiretti Como Lecco attraverso il presidente Fortunato Trezzi.
Il miele prodotto sul territorio nazionale dove non sono ammesse coltivazioni Ogm (a differenza di quanto avviene ad esempio in Cina) è riconoscibile attraverso l'etichettatura di origine obbligatoria fortemente sostenuta dalla Coldiretti. La parola Italia deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell'Unione Europea, l'etichetta - continua la Coldiretti - deve riportare l'indicazione "miscela di mieli originari della CE"; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta "miscela di mieli non originari della CE", mentre se si tratta di un mix va scritto "miscela di mieli originari e non originari della CE".
In Italia - spiega la Coldiretti - esistono più di 60 varietà di miele a seconda del tipo di "pascolo" delle api: dal miele di acacia al millefiori, da quello di arancia a quello di castagno (più scuro e amarognolo), dal miele di tiglio a quello di melata, fino ai mieli da piante aromatiche come la lavanda, il timo e il rosmarino.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco