Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 228.648.026
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/06/2020

Lecco: V.Sora: 140 µg/mc
Merate: 140 µg/mc
Valmadrera: 144 µg/mc
Colico: 126 µg/mc
Moggio: 136 µg/mc
Scritto Mercoledì 20 maggio 2020 alle 22:06

Casatenovo: maltrattamenti e ''resistenza'' ai CC, un giovane finisce in carcere

Immagine di repertorio
E' finito in manette per maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale, al termine di momenti di vera e propria tensione. L'episodio risale alla serata di martedì quando un giovane di circa trent'anni è stato arrestato in flagranza di reato a Casatenovo dai carabinieri della locale stazione. Una chiamata giunta alla centrale operativa 112 poco dopo le ore 19 quando una donna - terrorizzata e impaurita - ha chiesto l'aiuto dei militari poichè minacciata dal figlio. Una situazione familiare già nota alle forze dell'ordine, ma che ieri si è fatta ulteriormente pesante.
Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto la vittima, riuscita a scappare in strada, sarebbe stata aiutata da alcuni vicini ma provvidenziale è stato soprattutto il tempestivo arrivo di una pattuglia di carabinieri che - giunti in pochi minuti sullo scenario del grave episodio - hanno trattenuto il ragazzo e offerto un aiuto concreto alla donna, rifugiatasi sull'auto di servizio dei militari.
Sono stati attimi di vera e propria concitazione (dovuti soprattutto allo stato di forte agitazione del giovane), ai quali hanno assistito anche diversi residenti, la cui attenzione è stata attirata dapprima dalle grida di aiuto disperate e poi dal suono delle sirene dei mezzi di soccorso, confluiti in forze sullo scenario dell'intervento, in centro Casatenovo.
Portato in caserma per ulteriori accertamenti, il giovane al termine delle formalità di rito è stato arrestato su disposizione della Procura lecchese (già a conoscenza del caso) e associato al carcere di Monza. La donna invece, è stata accompagnata al pronto soccorso del Mandic di Merate in codice verde per lo stato di forte choc. Fortunatamente non ha riportato gravi conseguenze a livello fisico, ma la paura è stata parecchia.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco