Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.299.141
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 22 maggio 2020 alle 12:31

Castello B.za: la minoranza chiede il rinvio dei tributi e un fondo per aiutare le imprese

Marco Formenti
La Lega di Castello Brianza chiede misure a favore di imprese e famiglie. Le richieste arrivano dai consiglieri comunali di minoranza, saranno discusse durante la prossima seduta consiliare mercoledì 27 maggio.
Due proposte che - presentate attraverso altrettante mozioni - mirano a offrire un supporto al tessuto economico e sociale comunale. «Erano pronte da tempo» ha chiarito Marco Formenti capogruppo della minoranza "Lega Salvini Lombardia". La prima mozione presentata riguarda il rinvio dei tributi locali Imu e Tari. «Chiediamo che l'Imu venga pagata in un'unica rata e che la scadenza della Tari sia spostata di almeno quattro mesi» ha spiegato Formenti.
Nelle intenzioni della minoranza leghista l'Imu, per i cittadini brianzollesi, andrebbe a scadere in coincidenza con quello che normalmente sarebbe il termine per il pagamento del saldo. La Tari - il tributo sulla gestione dei rifiuti - sarebbe invece da corrispondere in una o due rate entrambe da versare non prima di settembre.
Sul versante del rinvio dei pagamenti dei tributi locali, negli scorsi giorni, si era mossa anche l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Aldo Riva. Al termine della prima settimana di maggio il primo cittadino aveva preannunciato il rinvio delle scadenze, scelta che avrebbe dovuto essere confermata dai consiglieri comunali entro fine mese. Resta da capire se le due proposte di rinvio - quella della maggioranza e quella della minoranza - coincideranno nei termini e nelle tempistiche. La soluzione giungerà dal confronto durante il dibattito consiliare.
La seconda misura leghista riguarda invece un'iniziativa nuova. «Proponiamo - ha spiegato il capogruppo Formenti - che la giunta lavori a degli spostamenti di bilancio per creare un fondo dedicato al supporto di imprese e attività commerciali che hanno avuto delle perdite in questi tre mesi di emergenza Covid-19». Una proposta che i consiglieri del carroccio hanno voluto delineare lasciando comunque ampi spazi di manovra. Un modo per favorire la ricerca di una sintesi politica con la maggioranza.
Nel caso in cui dovesse essere approvata «in base agli stanziamenti economici e alle domande ricevute bisognerà creare insieme alla maggioranza un regolamento per stabilire le modalità di accesso a queste risorse» ha spiegato Formenti. Lavoro, quello di individuare i criteri di accesso e di erogazione dei contributi che spetterà alla commissione consigliare delegata alla stesura dei regolamenti comunali. Il criterio minimo per accedere al supporto sarebbe - in base anche a quanto previsto dalle normative nazionali di carattere similare - quello di una riduzione del fatturato, nel trimestre da marzo a maggio, pari ad almeno il 50% rispetto all'anno precedente.
Proprio la capacità di reperire le risorse necessarie alla creazione del fondo potrebbe essere l'elemento cruciale del dibattito. A riguardo il capogruppo leghista ritiene che vi siano margini di manovra: «Nel bilancio comunale ci sono risorse derivanti da attività che quest'anno sono saltate a causa dell'emergenza. Potrebbero essere usate. Ad esempio, si possono trasferire le risorse stanziate per gli eventi sportivi annullati e destinarli al fondo di supporto per le imprese e le attività commerciali».
Formenti ritiene che vi siano buone possibili di giungere a un accordo con l'amministrazione comunale. «La mozione è aperta al confronto, siamo disponibili a lavorare con la maggioranza per definire il provvedimento in termini più precisi» ha spiegato, precisando che il supporto alle attività imprenditoriali, in questa fase di crisi, «è un segnale che il comune di Castello Brianza deve dare».
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco