Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.265.737
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 25 maggio 2020 alle 07:44

Sergio era una persona che nessuno, dopo averla conosciuta, potrà dimenticare

Il nostro caro Sergio ci ha lasciati.

Abbiamo saputo subito che il Covid-19, questo terribile virus, l'aveva colpito ma abbiamo sperato sempre che il nostro Sergino avrebbe vinto la sua battaglia. Purtroppo, così non è stato e per noi è un grande dolore.

Il 1 giugno 2000 nasceva Merateonline , Sergio Perego si è unito a noi nonostante continuasse il suo lavoro presso la testata de "il Giorno" di Lecco.

Sergio era un personaggio che nessuno, dopo averlo conosciuto, avrebbe mai potuto dimenticare.

Quella sua camminata veloce e quel sorriso sempre pronto ad aiutare tutti noi. La sua esperienza e la sua bontà, ha conquistato tutti. Chi lo conosceva da tantissimi anni e chi l'ha conosciuto nel corso di questi ultimi anni durante le cene di redazione.

Il primo giugno, avremmo voluto festeggiare il nostro ventennale e avremmo voluto con noi anche il nostro Sergio.

Dall'inizio del Covid19, ovviamente, abbiamo messo da parte quello che da mesi stavamo organizzando ma , un saluto veloce fra colleghi , anche da remoto, avremmo voluto farlo.

Invece, un anno davvero disastroso perché ci ha portato via un amico oltre che un professionista di lunga data.

Se penso a Sergio, mi vengono in mente le telefonate della domenica prima della partita del Merate in serie D. ..."telefonata in entrata..03951000..." , io chiamavo Claudio. " Sta chiamando Sergio".. Insieme a lui e con Claudio e Chicco si partiva verso il campo di calcio del Merate.

Lui sempre con la biro e blocchetto in mano e poi le cene di redazione dove con i "vecchi" giornalisti dava "lezione" e si lasciava andare ai ricordi dell'inizio della sua carriera o su temi nazionali tipo Mani Pulite.

Un giorno mi disse al telefono "anch'io divento nonno", sapendo che io già lo ero da anni e della mia felicità. Era felicissimo da questa notizia e l'aveva condivisa anche con me, con i colleghi che per lui erano amici, veri amici.

L'ultima volta che l'ho visto è stato durante la cena di Natale , alla quale mai è mancato. Lui e noi, lui che sorrideva sempre e la foto con il dottor Di Pietro.

Non è facile sempre lavorare in gruppo ma con lui tutto diventava facile.

Ricordo ancora il suo dolore per la perdita del fratello Rino, il professor Rino Perego. Ha sempre portato il suo dolore con dignità.

Ha sempre parlato della moglie e delle figlie e poi nipotine con grande amore.

Era felice Sergio, era positivo Sergio. Ci mancherai caro amico.

"Con me e Claudio, che ti ha sempre considerato un fratello oltre che amico hai condiviso tante cose. Quelle belle e anche quelle meno belle tipo la perquisizione nella nostra redazione.

Un abbraccio forte alla tua famiglia Sergio, non ho parole e la parola condoglianze mi fa male pronunciarla anche se , in questi momenti è giusto scriverla così".


Condoglianze a tutti voi che lo avete amato tanto e lo amerete sempre, perché nessuno può separare l'amore verso un padre, un marito, un nonno, un uomo che ha dato molto amore.

L'amore non muore mai.

Ciao Sergio, che la terra ti sia lieve. Il posto vicino a noi alle cene di redazione ci sarà sempre anche se sei lassù. Sappiamo che ci guarderai con quel tuo sorriso e noi faremo finta che sarai lì, vicino ai tuoi colleghi con un libro in mano.

Ciao amico collega.
Luisa B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco