Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.297.867
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 01 giugno 2020 alle 15:26

Bosisio: un bilancio dell'attività di Croce Verde a tre mesi dall’emergenza Covid

La pandemia non è ancora conclusa anche se la situazione, a livello sanitario, presenta un netto miglioramento. La provincia lecchese ha registrato complessivamente 2.743 casi di positività al Covid-19 e, in base agli ultimi dati resi noti ieri sera, il contagio di domenica 31 maggio ha riguardato sette persone.

A tre mesi dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, la Croce Verde Bosisio ha tracciato un bilancio su quanto è stato svolto dai volontari e dipendenti dell'associazione di pubblica assistenza che ha la sede a Bosisio con due distaccamenti, uno a Oggiono e l'altro a Costa Masnaga.

Le due ambulanze di emergenza urgenza, dall'inizio dell'epidemia hanno svolto più di 70 missioni, percorrendo complessivamente 22140 chilometri.
Oltre all'impegno forse più visibile perché in prima linea nell'affrontare la pandemia, con i volontari costretti a indossare una tuta bianca sopra la divisa d'ordinanza per evitare il contagio, Croce Verde ha prestato altri servizi, a tutto tondo, sul territorio.

A partire dai cosiddetti servizi "secondari", relativi a trasferimenti di pazienti dalle strutture ospedaliere al rientro presso la propria residenza. Su richiesta dei comuni del "Polo Brianza Ovest" (comprende i comuni di Bosisio Parini, Bulciago, Cesana Brianza, Costa Masnaga, Garbagnate Monastero, Molteno, Nibionno, Rogeno e Suello) sono stati riaccompagnati a casa e alle visite di controllo più di 160 pazienti Covid guariti o in via di guarigione.

L'associazione ha anche un reparto di protezione civile che in questi tre mesi non è rimasto inattivo, ma si è impegnato a portare quotidianamente aiuto ai comuni di Cesana Brianza, Suello e Barzago attraverso la consegna della spesa, dei pasti e di altri generi di prima necessità alle persone in quarantena o impossibilitate a muoversi. Nel complesso, parlando in numeri che maggiormente danno la misura degli interventi, 410 sono state le spese consegnate a Suello, mentre oltre 1100 i pasti distribuiti nel comune di Cesana Brianza. Per i cittadini dei comuni limitrofi, inoltre, sono state consegnate più di tremila mascherine.
Da inizio emergenza l'impegno delle risorse umane all'interno del sodalizio presieduto da Filippo Buraschi, è stato cospicuo: si sono avvicendati più di 120 volontari, vera forza dell'associazione, e sei dipendenti.

"Noi di Croce Verde Bosisio A.P. ringraziamo tutti i nostri volontari: chi ha operato sul campo e chi per ragioni di età ci ha sostenuto ogni giorno da casa. Grazie ai nostri dipendenti che ogni giorno scendono in campo per garantire un aiuto tempestivo alla popolazione" è il messaggio lanciato dall'associazione di pubblica assistenza che proprio quest'anno festeggia i 50 anni di attività, svolta ininterrottamente dal 1970. "E grazie a tutti voi cittadini ed aziende che, tramite le donazioni, o semplicemente attraverso un saluto per strada, ci date la forza di continuare a dare una mano a chi ha bisogno anche nei momenti più difficili".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco