Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 243.220.966
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 05 giugno 2020 alle 08:44

Coldiretti Como-Lecco: i produttori di suini in allarme

Con le quotazioni dei maiali quasi dimezzate dall’inizio della pandemia e scese a poco più di un euro al chilo, anche i produttori del comprensorio lariano non dormono sonni tranquilli: nelle due province di Como e Lecco si allevano circa 6 mila maiali, alla base di una radicata tradizione che vede le due province apprezzate per la produzione di salami, prosciutti e cotechini secondo consolidate ricette.
L’allarme è lanciato dalla Coldiretti lariana attraverso il presidente Fortunato Trezzi: “Siamo alle prese con una situazione divenuta insostenibile: le spese sono lievitate e i ricavi calano, gli allevatori non vedono ripagati neppure i costi di produzione. Gli aumenti sono considerevoli riguardo ai costi per l’alimentazione degli animali, dal mais alla soia, che hanno registrato rincari fino al 26% mettendo in difficoltà le stalle”.
A preoccupare è, altresì, l’invasione di prodotto dall’estero: in Italia arrivano ogni mese circa 4,7 milioni di cosce straniere utilizzate per ottenere prosciutti da spacciare come Made in Italy.
Non è infatti ancora obbligatorio ancora – denuncia la Coldiretti - indicare la provenienza della carne dei salumi in etichetta come richiesto dal 93% degli italiani che ritengono importante conoscere l’origine degli alimenti per dire finalmente basta agli inganni: “Due prosciutti su tre venduti in Italia – conclude Trezzi - sono infatti ottenuti da maiali stranieri senza alcuna evidenziazione in etichetta. Servono interventi mirati e urgenti perché siamo al punto di non ritorno con una situazione che rischia di compromettere per sempre la potenzialità produttiva nazionale con una destrutturazione degli allevamenti difficilmente recuperabile che mette a rischio l’essenza stessa di molti tesori agroalimentari del Made in Italy, comprese le produzioni delle nostre province”.
La prevalenza degli allevamenti di suini nelle province lariane si concentra nel Lecchese - 4 mila capi -, mentre a Como ce ne sono più di 2 mila.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco